Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1196
MODICA - 09/04/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: i giocatori hanno fatto il loro dovere in una situazione societaria disastrosa

Modica fuori dai play off ma è il futuro della società che preoccupa

Presidente assente, senza allenatore, preparatore atletico e direttore sportivo. La squadra è autogestita dai giocatori nelle ultime due gare di campionato Foto Corrierediragusa.it

Sul filo di lana il Modica rischia di uscire dai play off. A due giornate dal termine infatti i rossoblù sono al sesto posto, un punto dietro la Nuova Igea. Domenica prossima c’è la trasferta sul campo del Due Torri e bisognerà fare risultato per recuperare il terreno perduto. Le condizioni tuttavia sono oggettivamente difficili. La squadra è infatti in balia di se stessa visto che il presidente è latitante, non c’è l’allenatore, il preparatore atletico ed un direttore sportivo. Hanno mollato tutti la società e va merito ai giocatori per come hanno interpretato una contingenza delicata.

Filicetti (nella foto)e compagni si sono battuti nel derby contro il Vittoria accusando un calo solo alla fine ma sono riusciti a fare risultato davanti ad una squadra motivata e pur sempre seconda forza del campionato. Centrare i play off potrebbe essere la ciliegina di una stagione altrimenti disastrosa per quanto la dirigenza è riuscita a fare e disfare in pochi mesi. Ma oltre i play off c’è un futuro nebuloso e pieno di insidie. Piero Cundari non c’è e non dice quali sono le sue intenzioni anche se i segnali sono tutti di segno negativo. Le varie articolazioni della società, dall’addetto stampa al direttore sportivo, sono state smantellate e nulla fa pensare ad un futuro tranquillo.

Nicola Polessi a nome dei suoi compagni dice la sua: «Faremo di tutto per arrivare ai play off. Ce la mettiamo tutta ed è stato un miracolo fare risultato con il Vittoria. Siamo rimasti in pochi ma non per questo ci abbattiamo. Faremo i conti alla fine». Domenica non è andato in campo Raffa perché il giocatore non è rientrato in sede dopo le vacanze pasquali. Il giocatore non intende più tornare in rossoblù essendo arrivato al seguito di Claudio Gallicchio.

E´ successo domenica:
Modica – Vittoria: 0 – 0

Modica: Tarantino 6, Sammito 6, Porzio 6, Sangiorgio 6, Elefante 6, Teriaca 6,Fusca 5 ( 1’st Buscema 5), Vaccaro 5, Carbonaro 6, Filicetti 6, Carpentieri 5 (38’st Guarrasi 5)
Vittoria: Vitale 6, Di Rosa 6, Patti 6, Iapichino 6, Nobile 6, Citronella 6, D’ Agosta 5, Bevilacqua 6, Rametta 6, Cosiano 5, Crisafulli 5 ( 21’st Incardona 5).

Arbitro: Capovilla di Verona 6
Note: spettatori 300 circa. Ammoniti Citronella, Rametta, Sangiorgio e Porzio. Angoli 4-4. Recupero 1’pt, 2’st


Un derby scialbo con poche occasioni. Una partita che lascia l’amaro in bocca ad entrambe le squadre. Il Vittoria perché voleva mantenere i dieci punti dalla quintultima in classifica per evitare i play off e passare direttamente alla fase finale, il Modica perché esce dalla zona play off che ora sarà difficile riagguantare. I rossoblù si sono presentati in una situazione precaria dal punto di vista societario, senza presidente, allenatore, direttore sportivo e preparatore atletico, ma i giocatori hanno fatto fino in fondo il loro dovere. Hanno ceduto nel secondo tempo perché non avevano più fiato in corpo.

Filicetti e compagni hanno messo in campo l’orgoglio e con un pizzico di sorte in più avrebbero potuto passare in vantaggio. Carpentieri ha avuto l’occasionissima al 35’ del primo tempo su assist al bacio di Carbonaro ma ha svirgolato il tiro da posizione favorevolissima. Anche ad inizio ripresa il giovane attraccante ha avuto sul sinistro la palla buona ma stavolta Vitale ha fatto in pieno il suo dovere mettendo in angolo. Il Vittoria ha corso altri rischi nel primo tempo, come nell’occasione della traversa colpita da Porzio al 10’, ma poi la squadra di Campanella man mano si è organizzata e soprattutto nella seconda frazione ha preso in mano le operazioni del gioco pur stentando ad arrivare in area. Peccato che Rametta e soprattutto D’Agosta siano stati evanescenti. I biancorossi hanno anche costruito poco a centrocampo, hanno sofferto il pressing e hanno sbagliato la misura nei passaggi. Quando ci sono riusciti sono andati vicinissimi al gol.

E’ successo a 5’ dalla fine con Rametta che ha sfiorato il palo e soprattutto con D’Agosta che sul tiro cross di Rametta è entrato a botta sicura ma ha toccato debole tanto da consentire a Tarantino di recuperare e smanacciare fuori. Il Vittoria ha gridato al gol ma l’arbitro è stato deciso così come il suo collaboratore. Il Vittoria avrebbe forse dovuto metterci più cuore e soprattutto più pressione in tutte le zone del campo per imbavagliare un Modica a corto di argomenti. Merito ai rossoblù di essersi ben difesi e ribattuto colpo su colpo non arretrando mai.

I risultati della 13ma giornata di ritorno: (7 aprile 2013)
Villafranca - Due Torri 0 - 4
Città di Rosolini - Misterbianco 0 - 2
Comiso - Atletico Gela 2 - 1
Mazzarrà - Tiger 0 - 1
Modica- Vittoria 0 -0
Orlandina - Aci Sant´Antonio 4 - 0
San Gregorio - Real Avola 1 - 3
Taormina - Nuova Igea 4- 0

La classifica:
Orlandina: 60 ( promossa in serie D)
Vittoria 52
Due Torri 51
Tiger 47
Nuova Igea 46
Modica 45
Aci S. Antonio 43
Mazzarrà 38
Misterbianco 37
Taormina 35
Real Avola 35
S.Gregorio 32
Comiso 24
Rosolini 22
A. Gela 16
Villafranca 15