Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 981
MODICA - 27/12/2012
Sport - Calcio, Eccellenza: contestato dai tifosi, ha pagato per scelte tecniche discutibili

Il presidente Piero Cundari ha esonerato il tecnico Seby Catania

Non ancora reso noto il nome del successore ma sarà un allenatore di provata esperienza e di categoria superiore
Foto CorrierediRagusa.it

Seby Catania non è più l’allenatore del Modica. Il presidente Piero Cundari gli ha dato il benservito e nelle prossime ore renderà noto il nome del successore. Catania paga gli errori della sua conduzione, un approccio caratteriale con i tifosi e con l’ambiente, il non aver saputo gestire al meglio lo spogliatoio. I tifosi avevano da tempo rotto con il tecnico ed il clima attorno all’allenatore si è fatto sempre più difficile man mano che il campionato è andato avanti.

Cundari ha sempre sostenuto il tecnico ma ha dovuto prendere atto dei risultati modesti raggiunti rispetto agli sforzi ed agli impegni della società e si è deciso a fare questo passo subito dopo la gara interna contro il Mazzarrà anche alla luce del comunicato degli Ultras che avevano dichiarato guerra a Seby Catania. Si chiude questa fase del campionato rossoblù che ha prodotto il terzo posto in coabitazione con altre due squadre a quattro punti dalla capolista Orlandina.

Il presidente punta ora ad un tecnico di provata esperienza, di categoria superiore, autorevole e credibile, che possa dare serenità alla squadra e soprattutto allo spogliatoio. Dice il presidente Piero Cundari: «Ho ritenuto doveroso operare la scelta per rimediare ad una recente carenza di risultati. Le ultime, importanti, operazioni di mercato, infatti, confermano la volontà della società di raggiungere gli obiettivi fissati ad inizio stagione. La scelta di cambiare guida tecnica deve essere un monito per tutti i calciatori della «rosa» affinché mettano in campo quanto necessario per onorare la storia e la maglia di un club prestigioso come il Modica Calcio».