Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 875
MODICA - 26/10/2012
Sport - Volley: grande attesa per l’evento sportivo

Derby "storico" nel volley tra Ragusa e Modica

Per la prima volta nella storia del volley provinciale Modica e Ragusa si affrontano in un campionato nazionale

E’ il momento del derby. Per la prima volta nella storia del volley provinciale Modica e Ragusa si affrontano in un campionato nazionale. Si gioca sabato alle 19 al Palarizza di contrada Catagirasi con lo Csain ragusano favorito per esperienza e qualità tecnica. Il Volley Modica di Di Grandi cercherà invece di sfruttare il fattore campo e l’entusiasmo dei suoi giovani sotto la guida dell’esperto libero Lombardo.

Il Volley Modica è approdato in B2 dopo lunghi anni di permanenza nelle categorie inferiori grazie al progetto lanciato dai fratelli Cataldi e Luca Leocata che hanno preso per mano la squadra ed insieme a Giorgio Scavino ed Ezio Aprile sono riusciti ad approdare in B «Quando ci siamo avventurati nella pallavolo due anni fa – dichiara il patron Luca Cataldi – lo abbiamo fatto quasi per gioco. Poi siamo riusciti subito a vincere il campionato di serie D con la PGS Or.Sa e l’anno scorso è arrivata questa fusione con la storica Volley. Un sodalizio vincente che ci ha portati al secondo salto di categoria consecutivo. E adesso ci prepariamo ad affrontare il Ragusa consapevoli della loro forza ma con tanta voglia di vincere.

Sappiamo che loro sono i favoriti – continua Cataldi – ma assicuro ai nostri tifosi che venderemo carissima la pelle. Contro Vibo abbiamo dimostrato di essere una buona squadra anche se ancora giochiamo insieme da poco e abbiamo tante cose da migliorare. Sicuramente più esperti dei miei sono i giocatori dello Csain che rimane una delle squadre da battere. Cercheremo di compensare questo gap con la grinta e l’agonismo».