Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1099
MODICA - 31/08/2012
Sport - Calcio, Eccellenza: la mancata omologazione del "Vincenzo Barone" ha creato scompiglio

Modica senza campo contro il Comiso gioca a Scicli

Il presidente Piero Cundari ha intanto ottenuto la gestione ventennale del Polisportivo della Caitina
Foto CorrierediRagusa.it

Esordio amaro per il Modica e per i suoi tifosi. Il ritorno di Coppa Italia si giocherà infatti sul neutro di Scicli, domenica ore 16, per la mancata omologazione del «Vincenzo Barone». Il problema dell’indisponibilità del terreno di gioco era noto da tempo ma è stato ignorato da società ed amministratori che ora si trovano ad affrontare una vera e propria grana.

Non solo per la Coppa Italia e per la grande delusione dei tifosi rossoblù, che attendono la prova dei propri beniamini dopo la campagna acquisti ed il progetto avviato dal presidente Piero Cundari (nella foto), ma soprattutto per il campionato che inizierà tra due settimane e trova il Modica senza un campo da gioco perché il polisportivo della Caitina è stato abbandonato a se stesso ed oggi versa in condizioni pietose ed il «Vincenzo Barone», nato come struttura al servizio dell’attività giovanile e con un terreno di gioco non omologabile per il campionato di Eccellenza. Tutto questo era noto sia alla società sia all’amministrazione da tempo ma nessuno di due attori ha avuto la prontezza, e forse il coraggio, di porre la questione.

Il presidente Cundari ha avviato un progetto senza sapere dove la squadra poteva giocare e l’amministrazione ha abbassato la guardia su tutti i fronti affidandosi alla buona volontà della società. In extremis la giunta ha affidato la gestione del Polisportivo della Caitina al Modica Calcio per venti anni, valutando congrua l’offerta del presidente Cundari che ora dovrà fare i salti mortali per riportare ad uno stato accettabile tutta la struttura.

Il campionato batte alle porte ed è impensabile che in due settimane si possa rizollare il Caitina. I tifosi dovranno attendere ma almeno c’è una prospettiva che garantirà il ritorno a casa del Modica. La vicenda ha creato malumori tra i tifosi, scambi verbali al vetriolo tra Tato Cavallino e l’ex vicepresidente della Provincia Mommo Carpentieri, ed avrà sicuramente ulteriori risvolti.

La stagione comincia dunque in trasferta e la vicenda campo sportivo rischia di compromettere la serenità dell’ambiente. Seby Catania cera di tenere i suoi uomini lontano da queste problematiche e pensa alla partita con il Comiso. Mancheranno Fabio Arena e Catello Porzio, squalificati, e ci sarà dunque spazio per Paolino e Vaccaro. Dovrebbe essere disponibile anche Edwin Sow al centro dell’attacco. Intanto il Modica ha concluso la cessione el difensore Meli al Palazzolo e l’ingaggio di Edoardo Sammito che era andato all’Akragas.