Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 562
MODICA - 03/06/2012
Sport - Calcio: ancora irrisolta la questione dell’affidamento del polisportivo alla società

Il presidente Cundari ha scelto Seby Catania per il Modica

Si va verso la conferma dei giovani e di Nicola Polessi
Foto CorrierediRagusa.it

Il Modica riparte da Seby Catania (a dx nella foto con il presidente Cundari). Il presidente Piero Cundari ha affidato la squadra all’ex tecnico della Leonzio, con un passato da giocatore tra serie D ed Eccellenza.

Catania ha seguito il Modica da vicino nell’ultima fase di campionato ma è stato ufficialmente investito della carica dal presidente Cundari che vuole costruire con il tecnico il Modica 2012-2013. Cundari e Catania hanno cominciato a parlare della nuova squadra; il tecnico ha chiesto di avere a disposizione la squadra già dall’inizio della preparazione fissata per il 20 luglio in sede. I primi nomi parlano di Sisalli e Costanzo, ex Ragusa, che hanno avuto già qualche contatto con il presidente Cundari ma altri giocatori che hanno militato con gli azzurri nella passata stagione sarebbero pronti a trasferirsi in rossoblù.

Catania ha chiesto la conferma degli under e soprattutto di Polessi che potrebbe fare da secondo al nuovo tecnico e far crescere un portiere under. L’attenzione del presidente tuttavia è concentrata sulla situazione del Polisportivo della Caitina. Cundari aveva chiesto una decisione all’amministrazione in tempi brevi per potere programmare un eventuale intervento sul terreno di gioco in particolare. Da palazzo S. Domenico tuttavia è silenzio totale e nessuna indicazione di sorta è arrivata alla società.

Le opzioni sono sostanzialmente due; un intervento diretto dell’ente o un affidamento alla società tramite una convenzione che prevede la gestione diretta del Modica Calcio. I tempi dell’amministrazione sono lenti e Cundari preme perché per il presidente la disponibilità di un campo sportivo degno di tal nome è condizione essenziale per cominciare a programmare ed, eventualmente, investire.