Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 618
MODICA - 03/04/2012
Sport - Calcio: l’allontanamento dei due giocatori non è piaciuto a molti tifosi

Il presidente Cundari conferma: "Raciti e Strano out"

Nicola Polessi dovrà affrontare le tre ultime partite di campionato con l’organico all’osso

Piero Cundari non torna indietro. «Strano e Raciti non saranno reintegrati nei ranghi. Sono stati posti fuori rosa e lì resteranno». Il presidente rossoblù risponde così ai molti messaggi dei tifosi che hanno chiesto il ritorno dei due reprobi, allontanati dalla squadra dopo la trasferta di Taormina dove il Modica perse per 2 – 1 inguaiandosi in classifica.

«Strano e Raciti – insiste il presidente – hanno sbagliato e noi ci siamo dati una linea precisa. Chi sbaglia paga e questo è il loro caso perché non è stata la prima volta». Il presidente Cundari preferisce dunque guardare avanti anche se il prossimo futuro non è dei più rosei. Il Modica è al 90 per cento nei play out e dovrà salvare la categoria con i denti se non vuole rimediare la seconda retrocessione consecutiva. Il cammino è difficile perché ci sono due trasferte delicatissime da affrontare. Il Due Torri alla ripresa del campionato e l’Atletico Catania all’ultima giornata. In mezzo il delicatissimo derby con l’imbattuta capolista Ragusa.

Nessuno vuole fare conti ma anche cinque punti non basterebbero per tirare il Modica fuori dai guai perché il Comiso ha sei punti già in tasca dovendo affrontare Enna e Leonzio. Il Modica dovrebbe dunque fare almeno altrettanto se non di più ma c’è più di un legittimo dubbio nel pensare che una squadra che ha difficoltà nel tirare in porta riuscirà in questo intento. Il presidente tuttavia ci crede ed ha chiesto alla squadra il massimo impegno, ammesso che basti.