Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1238
MODICA - 08/02/2012
Sport - Calcio: secondo successo di fila casalingo per i rossoblù che risalgono in classifica

Il Modica vince il derby contro un Vittoria anemico e senza punte, 2 - 1

Di Franco aveva raggiunto il pari con una punizione velenosa
Foto CorrierediRagusa.it

Modica Vittoria 2 – 1

Marcatori: 44’ Porzio, 12’ Di Franco, 38’ Privitera.

Modica: Aglianò 5, Paolino 6, Teriaca 6 (13’st Raciti 6), Costanzo 7, Vaccaro 6, Porzio 7, Messina 6, Privitera 7, Strano 5 (25’st Sella 5),Filicetti 6, Cucchiara 5 (40’pt Meli 5). All. Sardelli.

Vittoria: Alonzo 6, Cannizzo 5, Santonocito 6, Chiaramonte 6, Maniscalco 6, Nobile 6, Lo Giudica 5, Patti 5, Randis 5, Di Franco 6, Crisafulli 5(37’ st Aulino 5). All. Campanella.

Arbitro Scarciotta di Caltanissetta 6.
Note: Espulso Di Franco per proteste al43’st. Ammoniti Vaccaro e Patti. Angoli 5 a 1 per il Modica. Recupero 1’pt, 3’st.

Derby per pochi intimi al «Caitina». Solo un centinaio di spettatori infreddoliti nonostante il pallido sole. Il Modica ha fatto sua la partita perché ci ha creduto di più e perché ha avuto più birra nelle gambe. Anche ai punti il successo dei rossoblù appare meritato se non altro per il numero di occasioni costruite, e sprecate, dalla squadra di Sardelli. Il Vittoria, reduce dal pari di Avola, ha opposto tutto quello che aveva con tanti giovani di buona volontà ed ha fatto il massimo. Un tiro in porta ed un gol e fino a qualche manciata di minuti dalla fine ha rischiato di portare a casa un punto.

Troppo evanescente l’attacco biancorosso affidato a due giovani di belle speranze ma anche negli altri reparti non c’è molto da scialare. Ed inoltre la squadra è apparsa a corto di fiato, specie nel secondo tempo quando ha faticato a rincorrere gli avversari. Nonostante handicap evidenti il Vittoria ce l’ha messa tutta e per una frazione di gioco, subito dopo il pari, è riuscito anche a comandare la gara ma è stato il Modica grazie alle sue individualità, l’esperienza dei suoi giocatori e soprattutto la migliore preparazione fisica ad averla vinta.

Sono sei punti in tre giorni, come voleva Mauro Sardelli, e la squadra comnincia ad allontanarsi dalla zona pericolo. I rossoblù tuttavia non hanno risolto il loro mal d’attacco; i due gol, non a caso sono venuti da un difensore ed un centrocampista. Luca Strano è apparso lento e poco motivato soprattutto dopo il clamoroso gol sbagliato su assist di Teriaca dal fondo. Non hanno fatto meglio Messina ed il subentrante Sella che hanno girato al largo dell’area per cui i maggiori pericoli sono venuti da Filicetti, Privitera e le incursioni dei difensori. Sardelli ha avuto la certezza della solidità della difesa imperniata su una coppia attenta e ben asortita come quella formata da Porzio e Costanzo.

Il tecnico ha mandato in campo Aglianò avvicendandolo con Polessi, ed il portiere ex Leonzio ed ex Vittoria, ha fatto la sua parte anche se il gol su punizione di Di Franco è stato dovuto ad un suo grave errore di valutazione. E’ comunque un Modica che può dire la sua e può battersi alla pari delle altre squadre del girone con una bella differenza rispetto al martoriato girone di andata. Esattamente all’inverso il percorso del Vittoria che oggi è squadra debole e può mettere in campo solo tanta buona volontà.

Il tecnico Campanella attende un attaccante al più presto per racimolare quei punti necessari per evitare i play out perché questo è ormai l’obiettivo della società biancorossa come ha ammesso negli spogliatoi il presidente Salvatore Barravecchia.

Primo tempo di studio ed è il Modica pungere un paio di volte con Strano da lontano. Al 44’ il gol del vantaggio (nella foto). Angolo dalla destra di Filicetti, irrompe da dietro Porzio e di testa mette in rete. Nel secondo tempo al 6’ Strano serve Filicetti ma il suo tiro è fuori di poco. Strano al 12’ spara alle ortiche da ottima posizione su invito di Teriaca. Di Franco al 12’ pareggia. Punizione dai 25 metri, tiro a giro ma Aglianò è dall’altra parte e non può far nulla. Al 30’ Filicetti ciabatta fuori di sinistro solo davanti al portiere. Al 38’ Privitera si inserisce sulla destra vince un contrasto con Lo Giudica e fa partire un fendente che si spegne nell’angolo. E’ il gol del definitivo vantaggio. Di Franco si fa cacciare fuori per proteste e la partita finisce qui.

I risultati dei recuperi della 3a giornata di ritorno
Enna - Atletico Catania 1 - 2
Comiso - Misterbianco 2 - 1
Acicatena - Aquila Caltagirone 4 - 1
Modica Vittoria 2 - 1

La classifica

Ragusa 54
Città di Messina 54
Due Torri 36
Real Avola 34
Città di Vittoria 33
Acicatena 31
Orlandina 28
Taormina 27
Misterbianco 26
Modica 23
Comiso 23
Trecastagni 22
Atletico Catania 18 (-1)
Aquila Caltagirone 17(-1)
Leonzio 7 (-2)
Enna 2(-6)