Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 857
MODICA - 10/01/2012
Sport - Calcio: agganciato il Caltagirone grazie alla vittoria sulla Leonzio

La classifica sorride ma per il Modica la strada è ancora in salita

I rossoblù ancora balbettanti in avanti dove non riescono a creare occasioni Foto Corrierediragusa.it

L’unico a restarci male è stato Piero Cundari. Il presidente è stato costretto a letto con la febbre e non ha potuto consumare la sua vendetta «fredda» nei confronti della sua ex società. Ci sono rimasti male anche i venti tifosi lentinesi arrivati al Caitina con l’intento di contestare proprio Cundari che sugli spalti non si è visto proprio.

Al Modica sono rimasti i tre punti e la terza vittoria in campionato grazie al primo gol in rossoblù di Messina ed alla micidiale punizione di Raciti dalla distanza. E’ stata la seconda vittoria consecutiva in casa dopo quella di fine anno contro l’Atletico Catania; insomma un ritorno alla normalità dopo un inizio stagione tribolato. Per i rossoblù i problemi in avanti non cambiano e la squadra stenta a trovare la via della porta anche se la prova di Messina, al primo gol in rossoblù (nella foto), fa ben sperare.

Ci ha messo di suo anche Mauro Sardelli che nel primo tempo ha schierato Sella in mezzo al campo intasando così le linee. «Siamo andati meglio nella ripresa – ammette il tenico – Sella ha reso di più e la spinta di teriaca sulla destra si è sentita. Ora pensiamo al Caltagirone, non ci possiamo fermare».

Domenica prossima rientra il capitano Gianluca Filicetti e per Sardelli non ci saranno problemi di sorta nella scelta degli uomini da mandare in campo. Nessuna ammonizione, caso raro quest’anno, e quindi nessuno squalificato. La nota negativa della giornata è stata la presenza del pubblico forse mai così poco numeroso. Un centinaio di persone a seguire la squadra a dimostrazione che ci vuole ben altro per riscaldare l’ambiente sportivo della città.

E´ successo domenica:

Modica Leonzio 2 – 0
Marcatori: 4’st Messina, 45’st Raciti

Modica: Polessi 6,Paolino 6, Meli 5 (24’st Carpentieri 6), Costanzo 6, Raciti 6, Porzio 6, Sammito 5( 10’st Vaccaro 5), Privitera 6, Strano 5, Sella 6, Messina 6 (24’st Teriaca 6). All. Sardelli

Leonzio: Meo 6, Toscano 5, Narfisi 6, Apreda 6, Maltese 6, Scariolo 6 ( 31’st Tocco 5), Aurora 5, Genovese 5, Rinaudello 5 ( 24’st Di Benedetto 5, Grieco 6, Garofalo 6 (40’st Fortuna sv). All. Iapichello

Arbitro: Trischitta di Messina 6.

Note: un centinaio di spettatori. Ammoniti Genovese e Scariolo della Leonzio. Angoli 4 a 2 per gli ospiti. Recupero 1’pt, 5’st.


Massimo risultato con minimo sforzo. Il Modica ha sfruttato due calci piazzati per avere ragione di una Leonzio a caccia di punti. E’ stata una gara povera di occasioni anche perché le due squadre hanno evidenziato evidenti lacune nel reparto avanzato.

Non è un caso che il Modica abbia segnato su azione da calcio d’angolo e punizione dal limite e che la Leonzio non abbia mai impensierito seriamente Polessi. Le condizioni precarie del fondo campo non hanno inoltre favorito il gioco e le due squadre si sono subito adeguate. Il Modica ha cercato per la verità di imbastire qualche azione e di giocare la palla con passaggi calibrati ma, ora una zolla, ora un’imprecisione, hanno troncato sul nascere l’avvio di un’azione degna di tal nome.

I rossoblù di Mauro Sardelli sono inoltre balbettanti in avanti dove Strano si muove poco senza palla ed è spesso in ritardo. E’ andato meglio Messina, mobile e volenteroso, mentre Sella, altre volte decisivo, non è stato nella sua migliore giornata. Per il Modica il risultato alla fine è quello che conta ed i tre punti consentono di staccare la Leonzio ed allontanarsi dalla zona calda.

La Leonzio era priva di molti uomini e si è schierato con molti giovanissimi. Ha tenuto in qualche modo la difesa ma da centrocampo in avanti è stata scena muta. Cronaca limitata nel primo tempo quando si registra un solo tiro di Strano al 15’ che lambisce il palo. Poi è pressing del Modica ma senza alcun costrutto. La partita si sblocca in avvio di ripresa. Al 4’ Raciti batte un corner. Entra Messina di testa e la sua zuccata anticipa Meo. Al 10’ è ancora Messina a fare gridare al gol. Il lancio di Sella in area è millimetrico, l’esecuzione dell’attaccante da manuale ma il tiro finisce contro l’esterno della rete.

La Leonzio cerca di venire avanti ma non ce la fa. Il Modica ci prova con Sella da fuori al 32’ e con Privitera. Bisogna attendere il 90´ per il raddoppio. Strano è atterrato al limite sinistro dell’area ospite. L’esecuzione diRaciti è chirurgica con palla nell’angolo basso.