Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 598
MODICA - 30/12/2011
Sport - Volley: successo in Coppa contro la Nissa, si riprende il 7 gennaio

Per il Volley Modica un anno di successi

E’ arrivata la promozione in serie C ed il primo posto in classifica
Foto CorrierediRagusa.it

La vittoria in coppa Sicilia contro la Nissa è stata la ciliegina sulla torta di un’annata super in casa Volley Modica (nella foto). Un percorso netto tra settembre e dicembre fatto di 11 vittorie su 11, che sono valse il primo posto in solitaria in campionato ed i quarti di coppa.

«Siamo felici per quanto fatto – dice il Direttore sportivo Ezio Aprile – ma sappiamo bene che se ci fermiamo a pensare, a guardare quanto siamo «belli» corriamo il rischio di perdere tutto. In campionato non abbiamo praticamente fatto ancora niente. Ci siamo assicurati un posto nei playoff ma questo ovviamente non può e non deve bastarci. Sappiamo che la strada che porta in serie B è lunghissima e piena di ostacoli».

A lui come a tutta la dirigenza modicana va il merito di aver plasmato un collettivo praticamente perfetto, fondendo le due anime quella della vecchia PGS e della Volley. Non bisogna dimenticare infatti che l’attuale sestetto è la sintesi del vecchio e del nuovo mondo pallavolistico in città con Enzo Buscema e la sua Volley Modica e la novità del Pgs dei fratelli Luca e Graziano Cataldi.

Molti scettici ritenevano impossibile la convivenza ma i risultati stanno dando ragione a chi ha creduto nel progetto fin dall’inizio; «Non dimentichiamo che il 2011 ha visto la Pgs trionfare in serie D al primo tentativo – dice il patron Luca Cataldi –Da settembre è cominciata però una nuova storia per la pallavolo modicana. Una storia di cui abbiamo cominciato a scrivere solo il primo capitolo. Dal canto mio posso dire che tutti dobbiamo festeggiare capodanno ma con la mente già proiettati al difficile impegno di Agira il 7 gennaio».