Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 970
MODICA - 06/12/2011
Sport - Calcio: la classifica non sorride ai rossoblù ma c’è fiducia nei nuovi dopo il pari con il Due Torri

Il Modica atteso alla prova del riscatto nel derby di Ragusa

Mauro Sardelli deve ancora trovare equilibrio nei reparti dopo l’innesto di nove giocatori
Foto CorrierediRagusa.it

E’ un Modica che deve ancora trovare equilibrio. Nove giocatori nuovi in campo su undici sono veramente tanti ed a Mauro Sardelli toccherà fare in fretta perché il tempo stringe. I nuovi acquisti hanno dato sostanza ed esperienza ma non fanno ancora squadra.

Ci sono poi alcuni equivoci tattici da risolvere come la posizione di Filicetti in campo che Sardelli ha relegato sulla fascia destra. Una zona poco congeniale al fantasista che ha invece bisogno di giocare al centro del campo o subito a ridosso delle punte. Non convince ancora l’attacco perché Luca Strano è apparso un pesce fuor d’acqua ed in ritardo di preparazione; è andato meglio Messina, più veloce e pronto, ma che ha sbagliato un gol fatto.

«Guardiamo avanti – dice Mauro Sardelli – Non ci facciamo condizionare dal risultato. La squadra ha risposto e sono grato a tutti i giocatori per quello che hanno fatto in condizioni difficili; a cominciare dal terreno di gioco». Per Sardelli ed i suoi uomini c’è la trasferta a Ragusa per un derby molto sentito dalla tifoseria.

Sugli spalti del "Caitina" è stato invocato il riscatto a cominciare proprio dal derby e tutti i giocatori sono stati incoraggiati a dare il massimo per giocare uno scherzetto agli uomini di Pino Rigoli.

«Una partita come le altre – dice il tecnico- Cercheremo di dare una soddisfazione ai tifosi». Sardelli avrà tutti gli uomini a disposizione ed avrà solo l’imbarazzo della scelta; il modulo comunque è un classico 4 -4- 2 con Filicetti che dovrebbe avere assumere una posizione più centrale, pronto per il tiro o per inserirsi in area.

Modica Due Torri 0 – 0

Modica: Polessi 7, Paolino 6, Meli 6, Costanzo 7, Raciti 6, Porzio 6, Teriaca 5 (1’st Vaccaro 5), Privitera 6 ( 27’st Sella 5), Strano 5, Filicetti 6, Carpentieri 5 ( 1’st Messina 6). All. Sardelli

Due Torri: Iacono 6, Guido 6, Trovato 6, Caggegi 6, Mondello 7, Marziani 6, Matera 6, Orioles 6, Misseri 6 (36’st Saggio 5), Salmeri 6, Lima 6. All. Alacqua.

Arbitro Petruzzelli di Siracusa 7

Note: Campo pesante. Spettatori 500. Ammoniti Carpentieri e Costanzo del Modica, Mondello, Salmeri e Matera del Due Torri. Recupero 1’pt, 5’st. Angoli 4 -1 per il Modica.


Partita maschia e ben giocata da entrambe le squadre nonostante un terreno infame che non ha consentito ai giocatori più tecnici di esprimersi al meglio. Il Due Torri è riuscito a contenere la voglia di vittoria del rinnovato Modica, ben nove giocatori esordienti in campo, che vuole al più presto tirarsi fuori dalle secche della bassa classifica.

Nonostante il risultato ad occhiali i rossoblù hanno dimostrato che ce la possono fare perché hanno ritrovato compattezza in difesa grazie alla ben assortita coppia Costanzo – Porzio e peso specifico in tutte le zone del campo. Qualcuno, come Strano, è ancora in ritardo di condizione, ma è un Modica che tiene bene il campo, non commette ingenuità ed ha mestiere per cui il presidente Piero Cundari può guardare con più fiducia al futuro. Il nuovo Modica porta con sé un male antico, ovvero l’incapacità di creare occasioni sotto porta. Solo un paio le palle buone in 90’ ed è veramente troppo poco per una squadra che deve e vuole vincere.

A centrocampo buono l’esordio dell’ex Privitera che ha fatto reparto con Raciti e Filicetti (nella foto), che ha vestito i gradi di capitano. Il Due Torri da parte sua ha avuto la «sfortuna» di ritrovarsi di fronte una squadra radicalmente cambiata ed pur avendo tentato, soprattutto nel secondo tempo, di portare a casa i tre punti non è riuscito nell’intento. La squadra di Alacqua ha disputato una gara ordinata e senza fronzoli anche perché il terreno di gioco non lo consentiva. Tra due squadra vogliose di vincere alla fine non ha prevalso nessuno anche perché le occasioni da gol si sono potute contare sulle dita di una mano. Alacqua può essere soddisfatto per la prova di carattere e maturità dei suoi giocatori mentre Sardelli ritrova fiducia per il futuro perché la salvezza con questa squadra è più che possibile.

Il primo tempo ha visto un predominio territoriale dei padroni di casa che con capitan Filicetti hanno cercato di innescare uno Strano appesantito e poco scattante. Il giovane Carpentieri si è dato da fare sulla fascia ma evidentemente restare ai margini del gioco non fa per lui. Un paio di tiri da lontano riscaldano le mani all’attento Iacono che non si fa sorprendere mentre dall’altro parte Polessi vive una giornata tranquilla.

Il Due Torri esce nella ripresa quando le due squadre si allungano alla ricerca della vittoria, Al 7’ Mondello batte una punizione per la testa di Orioles in area e ci vuole un gran Polessi a dire no ai peloritani. Al 15’ risponde il Modica con il neo entrato Messina che coglie il palo ma l’arbitro aveva fischiato il fuorigioco. Al 25’ proteste vibrate degli ospiti per un mani in area di Paolino che tocca su una palla schizzata dal cross dalla destra. Al 26’ la migliore occasione per il Modica. Vaccaro lancia lungo per Messina che si presenta solo davanti ad Iacono in uscita. Basterebbe il pallonetto per scavalcare il portiere ma l’attaccante sbaglia clamorosamente il tocco. Al 29’ Misseri tira da fuori area ma Polessi c’è.

Preme ancora il Modica fino alla fine ma gli attacchi si infrangono a bordo area. Finisce comunque tra gli applausi del pubblico per tutti i giocatori in campo.


Salvare il MODICA CALCIO
06/12/2011 | 19.49.20
Francesco

Quindi lei sta dicendo che il Mister Sardelli è messo in panchina solo per fare presenza, COMPLIMENTI.........
Poi le vorrei ricordare che chi ha salvato il MODICA CALCIO non è stata questa dirigenza ma bensì quel gruppetto di MODICANI che si sono messi a disposizione per non far scomparire il CALCIO a MODICA, ora sono d´accordo con lei quando dice di dare una chance a questa nuova dirigenza, ma infine le volevo proporre un quesito:

CHI LO GARANTISCE CHE A FINE CAMPIONATO IL TITOLO DEL MODICA CALCIO RESTERA´ A MODICA?

A lei la risposta.

Buona serata Francesco


Modica e dintorni
06/12/2011 | 10.50.56
Duccio Gennaro

Credo che bisogna avere un pò di pazienza per vedere come la nuova squadra si comporterà in campo rispetto a quella precedente. Nove elementi sono tanti ed il tempo per l´allenatore è stato oggettivaamente poco. E´ vero che il campionato incalza ed i tifosi chiedono risposte, a cominciare dal derby, ma credo che bisogna concedere un´apertura di credito a Filicetti e compagni. Domenica comunque ho visto una squadra più sicura, soprattutto in difesa.

Per quanto riguarda la questione allenatore il presidente ha fatto una scelta precusa. Seby Catania è il suo consigliere tecnico e dà indicazioni, suggerimenti, impostazioni tecniche; le scelte insomma le fa lui, poi tocca a Sardelli mettere in moto la macchina.

Non è il massimo e sono d´accordo ma ricordiamoci anche che il presidente Cundari ha iniziato a metà campionato ed ha praticamente "salvato" il Modica. Diamogli una chance.


Soliti problemi
04/12/2011 | 18.24.51
francesco

Volevo chiedere al giornalista Duccio Gennaro, se ha notato tutta questa differenza, tra le partite precedenti giocate dai ragazzi Modicani e questi nuovi Fenomeni?
Mi pare che oggi vedendo la partita non ho notato niente di diverso.
Poi gentilmente mi può fare sapere chi è l´allenatore di questa squadra?
Ancora oggi si è visto dalla tribuna che quello che impartisce ordini è Il consulente tecnico Seby Catania, mentre Sardelli è messo l´ha solo per comparsa.
Non era più giusto prendere un allenatore che sarebbe potuto andare tranquillamente in Panchina?
Volevo sapere cosa ne pensava Lei.

Buona serata.