Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1567
MODICA - 24/10/2011
Sport - Calcio: soddisfazione in casa verdearancio, il presidente Di Stefano è convinto della salvezza

La prima vittoria esterna dà fiducia al Comiso di Borgese

Marco Tumino, autore del gol che ha dato i tre punti, è alla sua terza marcatura stagionale in sette partite
Foto CorrierediRagusa.it

Prima vittoria esterna per il Comiso. Gli uomini di Peppe Borgese hanno dimostrato maturità e consapevolezza dei propri mezzi. La sorpresa in positivo è stato Marco Tumino, l’esterno che ha realizzato la sua terza rete stagionale che è valsa tre punti. Tumino si conferma sempre più uomo inamovibile del centrocampo verde arancio che ha avuto in capitan Gurrieri il suo faro.

Bene anche la difesa , dove, pur in assenza di Valentino Conti, gli uomini andati in campo hanno retto bene. Un Comiso, dunque convincente , che è stato seguito a Modica da un nutrito gruppo di sostenitori a dimostrazione del fatto che il ritorno in Eccellenza dopo una serie di stagioni in promozione ha creato nuovo interesse intorno alla squadra. «Sono più che soddisfatto della prestazione di Modica - dichiara il presidente Salvatore Distefano - Il fatto che siamo riusciti a violare il terreno di gioco di una formazione che sarà nostra concorrente nella lotta per non retrocedere ci dà grande fiducia nelle nostre possibilità. I ragazzi hanno giocato a viso aperto finendo per meritare i tre punti».

E´ successo domenica


C’è aria mesta nello spogliatoio rossoblù. Carlo Sammito e Peppe Bellio non si danno pace. Dice Carlo Sammito: Così proprio non va, era una partita nostra ed invece siamo qui a commentare un’altra sconfitta. Sono vanificati tutti i nostri sacrifici e così è facile che subentri lo scoramento. Se mettiamo dentro una delle palle gol cambia la partita, giochiamo tranquilli, possiamo gestire la gara ed invece abbiamo perso. Mi sembra incredibile. E’ chiaro che così questa squadra non ce la può fare e serve altro».

Anche Peppe Bellio, rimasto in panchina, è il volto della delusione: «Era più facile segnare che sbagliare; abbiamo giocato bene e ci siamo battuti. Anche un pari ci sarebbe stato stretto. Vedremo quel che succede in settimana, siamo pronti a tutto».

Peppe Borgese (nella foto)
è festeggiato dai suoi giocatori e dai dirigenti: «Abbiamo fatto la nostra partita e non abbiamo rubato nulla. Siamo venuti fuori alla distanza perché stavamo meglio fisicamente. Sono soddisfatto perché venivamo da un settimana delicata dopo la sconfitta con il Ragusa. Il nostro obiettivo comunque è la salvezza e penso che ce la faremo. Mi piace sottolineare che la partita è stata corretta grazie a tutti i giocatori. Non ho mandato in campo Nasello perché mi serviva subito un giocatore più di battaglia mentre Brugaletta non si può allenare a pieno ritmo in settimana per motivi di studio ed ha una preparazione approssimata. Quando è entrato in campo comunque ha fatto bene».