Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 774
MODICA - 26/09/2011
Sport - Atletica: L’etiope Imane Merga vince la 22a edizione del «Greco»

A Scicli si pensa all´atletica solo un giorno l´anno

L’intervento di Lorenzo Bonincontro che chiede a sindaco ed amministratori di pensare allo sport non solo quando c’è il "Greco" Foto Corrierediragusa.it

Va bene il «Peppe Greco» ma a Scicli si fa atletica altri 364 giorni l’anno. Lorenzo Bonincontro da sportivo e da consigliere comunale fa una riflessione più che pertinente riguardo alla manifestazione podistica gli amministratori l di turno, improvvisamente si ricordano dell’Atletica, solo per un solo giorno), omettendo nel modo più assoluto che nei rimanenti 364 giorni dell’anno, sempre a Scicli, c’è chi di atletica vive e si sacrifica gratuitamente giorno dopo giorno da oltre 20 anni, nonostante spesso e volentieri vengano a mancare le condizioni favorevoli.

Cambiano le Amministrazioni e gli Amministratori, siano essi di destra, di sinistra o di centro, ma non si riescono a trovare le giuste condizioni per far svolgere questa attività con serenità e rispetto, nonostante la persona che dell´atletica è l´emblema e cioè, Francesco Ruscica ,con l’associazione Sportiva Atletica Libertas Scicli non chieda chissà che cosa, ma, semplicemente di poter fruire di un impianto sportivo; sembra talmente banale ma, a volte viene negata anche questa possibilità senza che nessuno se ne accorga e soprattutto senza che nessuno impedisca che ciò avvenga.

Nonostante l’amministrazione non ponga le condizioni per lavorare, l’Atletica Libertas Scicli riesce a distinguersi ogni anno in campo provinciale, regionale e spesso anche nazionale per risultati ottenuti, basti pensare che vanta circa 30 atleti tesserati nelle categorie giovanili, dagli esordienti, cadetti, allievi e ragazzi, quest’ultima tra l’altro fresca vincitrice degli ultimi campionati regionali di società nella categoria femminile e se, pensiamo ad un passato prossimo, ricordiamo atleti di spicco nati e cresciuti a Scicli con Franco Ruscica , che hanno ottenuto risultati non indifferenti; Giovanni Fortino, tre volte Campione d’Italia ,Antonino Liuzzo, Claudia Finielli, tanto per fare qualche nome.

Con grande rammarico, noto che, questi risultati non si sono mai saputi o forse si è fatto finta di non saperli, tant’è vero che mai da parte degli amministratori locali si è ricevuto un minimo di considerazione o un semplice riconoscimento. Purtroppo Scicli da qualche anno a questa parte risulta essere l’unico comune della Provincia di Ragusa che non partecipa ai Giochi della Gioventù. Ben venga il memorial Peppe Greco, ma, non si parli di atletica solo in questa occasione!

La 22ma edizione della Podistica

L’etiope Imane Merga (foto), medaglia di bronzo ai recenti campionati mondiali di Daegu, si è aggiudicato il 22° Memorial «Peppe Greco» con il tempo di 28’37»8 ponendo fine all’egemonia di Edwin Soi, il keniano vincitore delle ultime 3 edizioni che ieri sera si è piazzato al secondo posto con il tempo di 28’48»4, l’ultimo gradino del podio è stato occupato dall’altro keniano Thomas Longosiwa che ha bloccato i cronometri a 28’45»4.

In chiave azzurra, 12° si è piazzato Yuri Floriani (30’51»4), 13° Ruggero Pertile (30’52»8) e 14° Corrado Mortillaro (31’04»7).

"Peppe Greco" femminile, vince ancora Sylvia Kibet

Per il secondo anno consecutivo, la vice campionessa mondiale dei 5mila metri, Sylvia Kibet si è aggiudicata il 2° Memorial «Peppe Greco» versione femminile. Ieri sera, l’atleta keniana ha percorso i 6.500 metri del circuito cittadino di Modica gremito di numerosi spettatori, in 24’35»9 e precedendo la marocchina Mariem Selsouli, di appena 9 decimi, l’ultimo gradino del podio è stato occupato dall’altra keniana Lucy Kabuu che ha bloccato i cronometri a 24’38»7.


La prima italiana a tagliare il traguardo è stata Barbara La Barbera giunta 12ª nella classifica assoluta con il tempo di 26’01»7.