Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 633
MODICA - 01/09/2011
Sport - Calcio: la società sarà presentata venerdì alle 9 a palazzo S. Domenico e riparte per il campionato

Cambia il Modica Calcio, Gianni Iacono è il nuovo presidente

Rosario Vindigni vicepresidente, Nuccio Gugliotta segretario, confermati Bellio e Sammito come tecnici

Cambia tutto nel Modica Calcio. Gianni Iacono, 62 anni, direttore dell’Associsazione commercianti, è il nuovo presidente. E’ la soluzione individuata dall’amministrazione per non far precipitare il Modica nel baratro. Il passaggio delle consegne da Riccardo Radenza a Gianni Iacono è stato formalizzato davanti al sindaco Antonello Buscema a palazzo S. Domenico.

Radenza, come aveva anticipato, si è accollato i debiti pregressi della società, circa 660 mila euro, ed ha consegnato una sodalizio «pulito» sotto tutti i punti di vista. Gianni Iacono si avvarrà della collaborazione di Rosario Vindigni, vicepresidente, Nuccio Gugliotta, segretario, Salvatore Baglieri e Giacomo Magro consiglieri. Quest’ultimo ha confermato l’acquisizione di alcuni sponsor che dovrebbero garantire quel minimo per affrontare il campionato.

Soddisfatto il sindaco per la costituzione della nuova società che parte con un programma minimo, il mantenimento della categoria, alla luce delle difficoltà in cui è nata. Carlo Sammito e Peppe Bellio continuano gli allenamenti con i giovani a disposizione ed hanno due settimane per preparare l’esordio in campionato.

Gianni Iacono, già coinvolto nel Modica nei primi anni 90’ con Fofò Ammirata allenatore, deve garantire serenità e continuità alla società. Non sarà facile ma ha avuto il merito di sobbarcarsi un peso che molti altri non hanno voluto portare.

Partirà con un fondo di 200 mila euro grazie alle sponsorizzazioni e a quanto garantito da alcuni commercianti. Non è tanto ma quanto basta per cominciare. C´è subito da mettersi al lavoro per coprire i vuoti di organico dopo le partenze dei vari Falco, al Rosolini, Sella e Fontana. In compenso c´è la possibilità di contare su quanti sono rientrati da varie squadre della provincia come Cassìbba e Livia ma certamente non basta.