Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 722
MODICA - 21/08/2011
Sport - Calcio: contro l’Or.Sa. Ragusa un pari, 1 - 1, con tanti giovani in campo

Il nuovo Modica nasce a fatica, squadra ancora da fare

Questa settimana la costituzione della nuova società con il passaggio a Santino Ruta

Modica in costruzione. La società, almeno formalmente, ancora non c’è, ma il duo tecnico formato da Peppe Bellio e Carlo Sammito si è messo da una settimana al lavoro. Ieri amichevole al polisportivo della Caitina contro l’Or.Sa Ragusa, da domani si comincia a lavorare ancora per prepararsi ai primi impegni di stagione dopo il notevole ritardo accumulato.

Contro i «salesiani» ragusani si è trattato di una sgambatura senza grandi pretese conclusasi 1- 1 con gol di Paolino su rigore proprio nel finale. Da quel che si è visto in campo Bellio e Sammito hanno ancora molto da lavorare ma soprattutto hanno bisogno di giocatori di esperienza e peso. Il Modica andato in campo nel primo dei tre tempi è formato da elementi locali e molti juniores. Angelo Falco ha deciso di restare in rossoblù ed è quindi andato in porta. I quattro difensori schierati sono stati Assenza e Sarta come esterni e Paolino e Cassibba come centrali; a centrocampo Sammito, Gugliotta, Novello e Ciacera con Livia ed Occhipinti punta centrale. Negli altri due tempi spazio ad un manipolo di juniores come Carpentieri e Bonomo.

E’ chiaro che il Modica ha bisogno di ben altro e si tratta di un organico risicato sotto tutti i punti di vista anche se bisogna dare atto ai giocatori, ai tecnici ed alla stessa dirigenza di provare a non fare scomparire il calcio in città. E’ infatti questo, almeno al momento, l’unico elemento positivo di una stagione che si annuncia molto difficile a meno che la dirigenza non metta mano al portafoglio e porti in rossoblù non meno di quattro elementi di categoria per sperare di cogliere la salvezza. Emanuele Sarta, direttore generale, dice: «Ci siamo sobbarcati un onere per mantenere in vita il Modica. Puntiamo a mantenere la categoria e cerchiamo l’appoggio dei tifosi e della città».

Santino Ruta da parte sua è il dirigente che si è detto disponibile a rilevare la società. Ha maturato esperienza nel mondo del calcio facendo parte della Moticea, la società di Promozione scomparsa lo scorso anno. E’ l’unica persona in città che in concreto ha dimostrato interesse dopo il fallimento di tutte le trattative avviate da sindaco, assessore e vecchi dirigenti. La costituzione della nuova società è tuttavia slittata ancora ad appena sette giorni dall’esordio ufficiale in coppa Italia a Ragusa contro i cugini azzurri.

Questa settimana si dovrebbe operare il passaggio della proprietà dall’ex presidente Riccardo Radenza a Santino Ruta; poi comincerà in modo ufficiale l’avventura del nuovo Modica calcio, perché di avventura vera e propria si tratta.