Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 491
MODICA - 25/07/2011
Sport - Quale futuro per la società rossoblu

Il sindaco ha pagato, ma il Modica resta fregato?

Il gesto di Antonello Buscema rischia di restare isolato

Il sindaco ha pagato di tasca propria i 9 mila 500 euro occorrenti per l´iscrizione del Modica in Eccellenza, ma ora quale futuro per la società rossoblu? Il gesto di Antonello Buscema rischia di restare isolato e di essere ricordato per la sensibilità e la disponibilità dimostrata dal sindaco in nome e per conto di quanti credono ancora in città che la squadra di calcio possa essere una bandiera ed un brand da portare in giro per la Sicilia.

Dando dunque onore e merito al sindaco non può essere sottaciuto che tocca ora ad altri fare la propria parte. La classe imprenditoriale, il mondo del commercio, la media industria che opera ed è presente in città, sempre pronta a reclamare servizi, sicurezza, opere pubbliche, pulizia, iniziative culturali. Se il silenzio continuerà, i dieci mila euro scuciti da Antonello Buscema saranno buttati in un pozzo perché al momento non ci sono prospettive. C’è una società che non esiste, una squadra che conta solo una decina di giovani di belle speranze, che non ha un tecnico con il campionato quasi alle porte. Non ha senso infatti iniziare con programmi limitati, asfittici, figli della povertà tecnica ed economica.

Il campionato dello scorso anno avrebbe dovuto insegnare qualcosa. Il sindaco che è oggi il «padrone» della squadra non cada in questo errore; abbia il coraggio di perdere i soldi, di accontentarsi del suo bel gesto, ma non vada avanti perché perseverare nell’errore sarebbe diabolico. Dica a chiare lettere che la città non ha voluto la sua squadra, ne prenda atto, seppur a malincuore, e ci metta una pietra sopra.