Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1060
MODICA - 06/07/2011
Sport - Calcio: impossibile ormai rispettare il termine per la domanda di ammissione in serie D

Modica Calcio: trattativa complicata, Fargione in stand-by

Febbrili contratti tra l’ex presidente Radenza ed il nuovo gruppo che cerca innanzitutto chiarezza

La nuova società è in bilico. Il Modica Calcio non ha ancora trovato un assetto e tutto sembra essere ritornato in alto mare. I frenetici incontri tra Angelo Fargione, aspirante nuovo presidente, Riccardo Radenza, titolare della proprietà del Modica Calcio, altri nuovi soci e l’amministrazione non hanno portato ancora alla definizione dell’organigramma della società.

Intanto entro giovedì il Modica dovrà presentare la domanda di riammissione al campionato di serie D ma questo traguardo sembra ormai precluso non solo per un fatto oggettivo come la mancata definizione dell’assetto societario ma anche per i tempi. L’unica scappatoia è che il presidente uscente Riccardo Radenza possa restare formalmente alla guida del Modica Calcio godendo così dello slittamento del termine fissato al 12 di questo mese. Nel momento in cui si è entrati nello specifico dei problemi sul futuro del Modica Calcio, come era lecito attendersi, sono sorte le difficoltà nonostante la buona volontà di Angelo Fargione.

L’imprenditore ha detto chiaro e tondo di volere ereditare una società senza debiti e con tutte le carte in regola. Fargione ha detto di essere pronto a rilevare la società e di avere già in mano una lista di giocatori ed un direttore sportivo a portata di mano. A questo punto è Riccardo Radenza che deve chiarire il suo ruolo e soprattutto facilitare il traghettamento dalla vecchi alla nuova società.

Il futuro del Modica Calcio a questo punto appare nebuloso anche se i contatti si susseguono con la mediazione del sindaco e dell’assessore allo sport Giovanni Spadaro ma è chiaro che il primo appuntamento per la domanda di riammissione in D è già saltato e bisognerà stare attenti anche a rispettare i tempi per l’iscrizione in Eccellenza fissato a martedì 19.


07/07/2011 | 15.39.20
Giuseppe Di Gregorio

IL MODICA CALCIO è MORTO E DEFUNTO, ne hanno decretato la morte i presunti nuovi soci, che con tutta questa telenovela hanno fatto di tutto per non iscrivere il Modica in Serie D. Questa è la prova provata di gente, quantomeno incompetente e che non vuol bene alla squadra e si serve delle vicende della nostra squadra SOLO PER FARSI PUBBLICLITA´. NON SI SA COME PERò VISTO CHE HANNO IMBROGLIATO E CI STANNO IMBROGLIANDO. Se faranno una squadra non si sa nemmeno se si salverà o finirà in Promozione per poi essere abbandonata. A questo punto PREFERISCO CHE IL MODICA SCOMPAIA IN MODO DIGNITOSO piuttosto che vedere la MIA SQUADRA DEL CUORE ESSERE UMILIATA NEI DERBY (sempre che ci saranno i famosi derby visto che Comiso e Ragusa grazie ALLA NOSTRA RINUNCIA avranno la possibilità di ottenere il ripescaggio in Serie D. In pratica sorpassati dal Ragusa per degli INCOMPETENTI!!!!) SONO SCHIFATO E DELUSO!!!!!!!

E NON è FINITA, QUESTI SIGNORI vogliono ora essere, possibilmente, corteggiati, per formare una presunta società. SONO PEGGIO DEI BAMBINI CAPRICCIOSI!
SOLO UN RINGRAZIAMENTO A RADENZA che ci ha regalato, comunque, altri quattro anni, se non erro, di permanenza in Serie D DA SOLO e un ringraziamente AL SINDACO BUSCEMA CHE HA FATTO DI TUTTO PER RICOSTITUIRE E DARE UNA SPERANZA ALLA MODICA CALCISTICA ABBONDANATA DA TUTTI!!!!
Giuseppe