Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 704
MODICA - 03/06/2011
Sport - L’inchiesta della Dda di Napoli riguarda anche il girone I di serie D

Calciopoli siciliana: Modica coinvolto in inchiesta della Dda

I pentiti hanno fatto riferimento al ruolo della famiglia Pesce che gestiva Interpiana e Sapri

L’operazione Offside della Dda di Napoli riguarda anche il girone I di serie D. E’ il campionato in cui ha militato il Modica da tre anni a questa parte e che vede ora la società rossoblù tra le squadre all’attenzione dell’inchiesta che in questi giorni è esplosa nel caso scommesse. L’inchiesta del procuratore Giuseppe Pignatone e del suo sostituto Alessandra Cerreti mette in luce le trame ed i collegamenti che partono da Rosarno con al centro Antonio Pesce, attualmente in carcere e del figlio Francesco.

E’ proprio lui, «u’ tistuni», che detta la linea di molte squadre del girone I a cominciare dalla fusione della vecchia Rosarnese con il Cittanova; Pesce muove le sue pedine, calciatori, presidenti e direttori sportivi con puntuale sincronismo. Tra questi , come emerge dalle intercettazioni risalenti al campionato 20092010, Domenico Varrà, patron dell’allora Rosarense, di cui anche il figlio è capitano. Domenico Varrà è stato arrestato lo scorso anno ma un pentito ha detto chiaramente che il presidente si vantava di sapere in anticipo molti altri risultati del campionato di D, tirando in ballo squadre come l´Hintereggio, il Neapolis, il Siracusa, la Viribus Unitis ed il Modica. Solo una partita è tuttavia indiziata per frode sportiva ma quello che emerge è la realtà di un campionato dove molti risultati si sono decisi a tavolino. Se l’inchiesta della Dda è ancora ferma allo scorso campionato non si escludono sconfinamenti in questa stagione viste le relazioni pericolose proprio tra il Cittanova Interpiana ed il Sapri; due società legate da un sottile ma solido legame tra la famiglia Pesce ed il Sapri.

Una società che i Pesce acquistano nel 2006 e che quest’anno è stata «gestita» dalla piana di Rosarno. Non è un caso che i presidenti delle due società sono indagati e si attendono ora sviluppi anche sportivi che potrebbero portare anche alla radiazione. Le notizie provenienti da Napoli e riportate tra l’altro da alcuni quotidiani sportivi non approfondiscono la posizione del Modica Calcio, che potrebbe essere, piuttosto che attore, vittima di un intrigo più grande in cui è rimasta incagliata.