Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1252
MODICA - 04/04/2011
Sport - Calcio serie D: squadra in salute ma parecchio sfortunata

La strada del Modica verso la salvezza si è fatta complicata

A cominciare da un derby delicatissimo come quello con il Noto che si gioca domenica sul campo granata

Si complica la strada del Modica verso la salvezza e nelle prossime quattro partite sarà vietato sbagliare. A cominciare da un derby delicatissimo come quello con il Noto che si gioca domenica sul campo granata. La delusione in casa rossoblù è palpabile. Dice il presidente Riccardo Radenza: «Peccato veramente perché un bel Modica ha dovuto soccombere ad una squadra che non ha fatto nulla per meritare la vittoria.

Siamo stati penalizzati da una conduzione arbitrale discutibile ed abbiamo perso per il solo tiro in porta effettuato contro Falco. La squadra comunque c’è, risponde ed ha orgoglio. E’ quello che avevo chiesto alla vigilia e che i giocatori hanno messo in campo. Dobbiamo continuare su questa strada ed alla fine tireremo i conti». Sembra ormai difficile evitare i play out a meno di non infilare quattro vittorie o almeno raggiungere quota 42 dove è collocata la zona salvezza diretta anche se quest’anno la quota si è alzata per via della forte concorrenza.

Peppe Dima ha avuto comunque la consapevolezza che la squadra è in salute ed ha i mezzi per giocare alla pari delle migliori. Il calendario prevede ora due trasferte, Noto e Torre del Greco, sul campo di una demotivata ma sempre forte Turris, e due gare in casa contro Nola e Marsala all’ultima giornata. I giocatori hanno subito cominciato a fare un po’ di conti: Bisogna conquistare i sei punti casalinghi ed una vittoria in trasferta ed almeno un pareggio per i fatidici dieci punti che porterebbero i rossoblù a quota 42.

Nulla è precluso al Modica visto in campo contro il Forza e Coraggio ma non bisogna sbagliare. Peppe Dima potrà contare su tutti gli uomini della rosa visto che non ci dovrebbero essere squalificati nonostante i cinque ammoniti. La partita di domenica ha poi portato alla ribalta la inadeguatezza dell’impianto sportivo. Giocatori e dirigenti ospiti sono stati ospitati in tribuna A come di solito accade per cortesia ma la delicatezza della gara e della posta in palio ha causato qualche protesta e spintone di troppo tra dirigenti ospiti e tifoseria rossoblù. La convivenza tra locali ed ospiti non si è rivelata facile per ovvi motivi e sarà bene per il futuro che gli organi di polizia pensino ad una diversa dislocazione delle presenze ospiti per evitare incidenti.