Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:19 - Lettori online 1548
MODICA - 22/02/2011
Sport - Calcio serie D: ripresa la preparazione in vista della gara contro il Mazara

Il Modica riprende pensando a conquistare la salvezza

Non c’è ancora Parlacino alle prese con il suo infortunio, presenti tutti gli altri

Dopo tre giorni di pausa i rossoblù sono tornati al lavoro. C’è la sfida salvezza contro il Mazara da affrontare ed il tecnico vuole tenere tutti sotto controllo. Dice Peppe Dima «Stiamo bene e non abbiamo infortunati a parte Incatasciato che si è fatto di nuovo male giocando con la Juniores. Tutti gli altri sono disponibili e motivati. Per noi è importantissimo arrivare bene a domenica esperiamo che non succeda niente». Nel Modica non ci sono squalificati ma ben cinque diffidati ma il tecnico preferisce per il momento non pensarci.

Non ci sarà ancora, ma questa non è una novità, Franco Parlacino. L’attaccante è ancora fuori a farsi curare il malanno muscolare di cui soffre ed ha annunciato che potrà essere disponibile dalla prossima settimana visto che finirà la cura questo venerdì. Toccherà dunque a Mauricio Villa sostenere il peso dell’attacco anche se il giocatore non è al top per alcuni guai fisici. L’argentino ha comunque recuperato la botta alla caviglia che lo ha costretto ad uscire dal campo di Rossano.

Dima ha ripreso oggi la consueta cadenza degli allenamenti per arrivare al meglio alla gara di domenica. «Dobbiamo vincere –dice il tecnico- Non ci sono alternative. E’ una partita importantissima contro una squadra che viene da un striscia positiva. Noi comunque ce la metteremo tutta perché vogliamo la salvezza. Sappiamo che è difficile ma non ci vogliamo nascondere».

Gli ultras non faranno mancare il loro apporto ed hanno già cominciato la campagna di sensibilizzazione in città perché domenica ci sia una presenza massiccia sugli spalti del «Caitina» vista l’importanza della posta in palio.