Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 770
MODICA - 20/12/2010
Sport - Calcio, serie D: ultima gara di andata fatale al Modica sul campo di Marsala

Dima crede nella salvezza del Modica ma vuole i rinforzi

La squadra chiude con la seconda peggior difesa ed il terz’ultimo peggior attacco del girone
Foto CorrierediRagusa.it

Per Giuseppe Dima (nella foto) è stata la prima sconfitta da quando siede sulla panchina rossoblù. «Peccato davvero per quel rigore –dice il tecnico- Abbiamo fatto il possibile ed il pari ci stava tutto. Bisogna rimboccarsi le maniche ed andare avanti. Anno nuovo vita nuova». Dima terrà sotto pressione fino a giovedì i giocatori e proseguirà gli allenamenti dopo Natale in attesa che maturi qualche operazione di mercato.

Il Modica ne ha bisogno ma il tecnico ritroverà per la prima del girone di ritorno in programma mercoledì 5 a Sambiase gli infortunati Sansone e Villa ed il nuovo acquisto Ike. Dima tuttavia ha chiesto al presidente Riccardo radenza un centrocampista dai piedi buoni per puntellare la squadra. Il Modica chiude il girone di andata a quota 16, frutto di quattro vittorie, di cui una fuori casa, quattro pareggi e nove sconfitte, di cui ben sei esterne. E’ l’attacco il reparto peggiore della squadra con appena 15 reti, Villa ne ha segnato sette, solo una in più del Nola e due della Rossanese. Anche la difesa non scherza con i suoi 29 gol subiti, la terza peggiore del campionato, dopo Nola e Marsala, rispettivamente a 40 e 35 gol subiti.

Il ruolino di marcia è senza dubbio da retrocessione ma l’inversione di tendenza con l’avvento di Dima può essere confortante e salvare la categoria. Con Nola e Rossanese che appaiono spacciate c’è ora l’incongnita Messina che pesa sul campionato e se Dima riesce a puntellare l’assetto arretrato può sperare. L’innesto di Bennardo si è rilevato salutare ed il giocatore palermitano insieme a Sansone può dare sicurezza dietro con Fontana che sarà utilizzato sulla fascia insieme al rientrante Sella.

«Ci salviamo –dice il presidente Riccardo Radenza- Ci credo e ci credono anche i giocatori. Dobbiamo avere più fiducia in noi stessi e dimostrare più carattere in campo».