Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 937
MODICA - 24/11/2010
Sport - Calcio serie D: il presidente non vuole sbagliare e prende tempo

Panchina libera al Modica, dopo Cervillera anche Versace se ne va

Dopo l’esonero di Franco Rappocciolo sono molti i pretendenti a guidare la squadra
Foto CorrierediRagusa.it

Tanti nomi, nessuna decisione. Riccardo Radenza deve ancora decidere a chi affidare il Modica dopo l’esonero di Franco Rappocciolo (nella foto).

Ieri il presidente ha sondato alcuni allenatori disponibili a sedere sulla panchina rossoblù ma senza alcun esito. Radenza incontra oggi pomeriggio il direttore Luigi Galazzo per decidere il da farsi; il presidente vuole tuttavia non sbagliare la mossa e non è improbabile che la squadra continui per questa settimana agli ordini di Saro Marangio per affrontare la trasferta di domenica contro il Forza e Coraggio Benevento.

Ieri intanto Riccardo Radenza ha preso atto dell’abbandono di Santo Versace che ha deciso di interrompere il suo rapporto con il Modica. Una soluzione quasi consensuale visto che la società non era soddisfatta del rendimento del giocatore calabrese. Il nuovo tecnico dovrà dunque fare a meno sia di Cervillera sia di Versace che in questa prima parte del campionato, il capitano in particolare, erano apparsi tra i più positivi. Sul fronte allenatori i nomi più gettonati sono quelli di Pippo Romano ma c’è un contratto con il Siracusa che l’allenatore ha sottoscritto con il Siracusa; si è fatto avanti anche Pino Rigoli ma Radenza non sembrerebbe propenso per via di alcune scaramucce risalenti allo scorso campionato; altro ex è Galfano, alla Vibonese lo scorso anno. Si tratta di allenatori di categoria superiore che chiedono garanzie anche in prospettiva futura e che Radenza non può offrire vista la situazione in cui naviga la società.

L´esonero di Franco Rappocciolo

Modica in piena crisi. Franco Rappocciolo (nella foto) se ne va e il capitano Saro Cervillera lo segue a ruota. E’ stata una giornata convulsa per il presidente Radenza che ha preso la decisione di esonerare l’allenatore dopo la terza sconfitta interna, l’ottava della stagione, ed appena sette punti in classifica.

Radenza tiene a sottolineare che la decisione di tagliare il rapporto con il tecnico è stata consensuale e concordata con Franco Rappocciolo con il quale il presidente mantiene buoni rapporti di amicizia e di stima « Purtroppo –dice il presidente- nel calcio si è figli dei risultati e molte volte si è costretti ad assumere decisioni che vanno aldilà dei rapporti umani e delle qualità. Ringrazio Rappocciolo per l’impegno profuso, che non è mai mancato durante la sua gestione e gli augurio le migliori fortune.

Per il terzo anno consecutivo, prima Corrado Vaccaro, poi Carmelo Giglio ed ora Franco Rappocciolo, il presidente si trova a cambiare allenatore prima della fine del girone di andata. Le scommesse di Radenza non hanno finora pagato anche se negli anni scorsi la squadra ha recuperato e salvato la categoria con l’avvento di Pippo Romano. Tutto è più complicato quest’anno perché la squadra è debole, con pochi uomini di esperienza ed in netto ritardo in classifica. Ieri il presidente ha incontrato i giocatori ed ha dovuto prendere atto anche della decisione del capitano Saro Cervillera che ha deciso di lasciare i colori rossoblù. Cervillera non se l’è sentita dopo la contestazione dei tifosi nei suoi confronti e la goccia che ha fatto traboccare il vaso sono stati gli insulti ricevuti insieme alla moglie all’uscita del polisportivo della Caitina dopo la gara con il Val Grecanica.