Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 322
MODICA - 15/11/2010
Sport - Calcio Serie D: a Messina ennesima sconfitta in trasferta per i rossoblù

Calcio: Modica senza punti, il clichè non cambia

Il presidente Riccardo Radenza annuncia un paio di acquisti importanti ma se ne riparlerà a gennaio

Ancora a mani vuote. Il Modica si ripete nel bene e nel male contro il Messina e resta ancorato al penultimo posto. Sconfitto di misura per un paio di incertezze difensive. Stavolta è toccato a Falco e Fontana sbagliare gli interventi, altre volte era toccato a compagni di reparto.

«Mi serve più esperienza in campo –ammette Franco Rappocciolo- Non posso rimproverare niente ai giocatori, siamo rimasti in partita fino alla fine ma loro avevano tre attaccanti di categoria superiore. Il presidente sa quello che voglio e che ci vuole. Ha detto che provvederà. Attendo fiducioso».

Riccardo Radenza deve chiudere per un attaccante ed un centrocampista di categoria; «Vogliamo giocatori convinti –dice Radenza- Capaci di darci una mano e farci uscire da questa situazione. Purtroppo nel mercato degli svincolati degli svincolati non c’è niente che possa fare al nostro caso. Dovremo attendere l’apertura delle liste a dicembre». Sono state smentite le voci che volevano Omolade in rossoblù ed un ritorno di Filicetti, queste piste sono state abbandonate e Radenza vuole puntare su giocatori di serie superiore anche se dovrà fare i conti con le risorse a sua disposizione.

Almeno fino a Natale Rappocciolo deve fare di necessità virtù e sfruttare al meglio il parco giocatori che ha. Prima che il Modica assuma un altro volto ci sono ben quattro gare da giocare a cominciare da quella di domenica prossima al «Caitina» contro il Val Grecanica, poi a Benevento, quindi il derby con il Noto e la trasferta a Nola per chiudere l’anno solare.

L’imperativo è racimolare più punti possibile e conquistare subito i tre punti. La vittoria manca da un mese e risale alla gara contro la Rossanese. Il clima tra i tifosi è quello che è; la contestazione nei confronti di capitan si è attutita ma non è scomparsa ma è la disaffezione e lo scoramento che si stanno facendo strada ed anche questo è un elemento che non aiuta né giocatori né società.