Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 842
MODICA - 04/11/2010
Sport - Calcio serie D: dopopartita movimentato ad Eboli tra ultras e giocatori

Calcio: per Franco Rappocciolo il gesto di Cervillera è stato solo un equivoco

Per il tecnico il capitano voleva solo strizzare la maglia a dimostrazione del suo impegno
Foto CorrierediRagusa.it

«E’ stato un equivoco» -Franco Rappocciolo, tecnico del Modica- liquida così l’episodio verificatosi a fine partita con protagonista il capitano Saro Cervillera (nella foto) ed i due tifosi ultras presenti sugli spalti ad Eboli.

«Io ero presente e molto vicino al nostro capitano- spiega Rappocciolo- Di fronte ai due tifosi che contestavano l’impegno dei giocatori Cervillera si è tolto la maglia e ha fatto il gesto di strizzarla aggiungendo –Vedete come è sudata?- Sono le parole che ho sentito e che confermo. Nessuna intenzione dunque da parte del capitano e di tutti gli altri giocatori di ripudiare i colori ed il simbolo della squadra. Devo dire anzi che tutti i giocatori sono rimasti molto amareggiati per la sconfitta che ritenevano di non avere meritato; una dimostrazione di attaccamento che mi conforta e mi lascia sperare bene per il futuro».

Il presidente Riccardo Radenza da parte sua ha incontrato i giocatori e lo stesso capitano negli spogliatoi ed ha avuto un chiarimento dopo le polemiche sollevate dal gruppo degli ultras. Questi infatti, sulla scorta di un resoconto riportato da parte dei due tifosi presenti ad Eboli secondo i quali Cervillera avrebbe strappato la maglia, hanno emesso un comunicato con il quale hanno chiesto la testa del giocatore.

Il presidente sin dal primo momento ha preso tempo e non si è espresso sulla questione anche se ha evidenziato di non avere motivi di non credere agli ultras. La rabbia del dopo partita, la distanza dal rettangolo di gioco ha evidentemente giocato un brutto scherzo ed attizzato gli animi anche se il Modica non può permettersi di distrarsi e di pensare ad altro che non sia il buon rendimento in campo a cominciare da domenica contro il Sapri.