Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1473
MODICA - 25/10/2010
Sport - Calcio serie D: la pesante sconfitta di Mazara deprime l’ambiente rossoblù

Calcio: è un Modica che ha urgente bisogno di qualità

Tifosi arrabbiati per la prova inconcludente della squadra in una sfida decisiva
Foto CorrierediRagusa.it

Mauricio Villa (nella foto) sintetizza così la sconfitta di Mazara «Loro sono stati più bravi, ci hanno aggredito, hanno segnato. Noi non abbiamo fatto molto. Dobbiamo solo pensare a lavorare ed alla prossima partita».

Anche Saro Cervillera, che è stato il più positivo dei rossoblù ed ha sfiorato anche il gol, è sconfortato «Non siamo stati all’altezza, il Mazara ci è stato superiore, nessuna recriminazione, bisogna dare di più».

Amareggiati i trenta ultras che hanno affrontato la trasferta. «Questi juniores non vanno –dicono- Negli anni passati sono stati la forza del Modica, quest’anno non sono all’altezza della categoria. Chi ha fatto la scelta deve rispondere. Continuando così andiamo in Eccellenza di sicuro».

Il presidente Riccardo Radenza e lo stesso allenatore, Franco Rappocciolo, sono rimasti delusi dal passo indietro fatto registrare dalla squadra dopo la convincente vittoria sulla Rossanese. Non sono infatti solo i tre punti persi a preoccupare ma la dimostrazione di manifesta inferiorità e gli errori difensivi. Nel primo gol la coppia centrale ha sbagliato il fuorigioco , nel secondo Fontana si è fatto soffiare la palla sotto il naso per consentire a Calvaruso di battere a rete da due passi.

Radenza vuole dare fiducia alla squadra e non prenderà provvedimenti, almeno per il momento. Il Modica edizione 2011 è nato all’insegna del risparmio ed è improbabile pensare a nuovi e significativi innesti. Eppure basterebbe poco per salvarsi visto che l’Atletico Nola è con l’acqua alla gola da tutti i punti di vista ed il Messina è sulla via del ritiro. Le due ultime posizioni in classifica per la retrocessione diretta sono prenotate o quasi ma bisognerà guadagnarsi un posto di tutto rispetto nella griglia dei play out.

Domenica al polisportivo della Caitina arriva la vice capolista Casertana e sarà un brutto cliente per un Modica in crisi di identità. Rappocciolo potrà recuperare appieno Cerfoglia che nonostante tutto è andato in campo pur se ha giocato con il freno a mano tirato per via dell’infortunio alla caviglia.