Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 973
MODICA - 29/08/2010
Sport - Calcio Coppa Italia: i rossoblu sono apparsi appannati

Calcio: Modica fuori dalla Coppa Italia, ai rigori passa l´Acireale

I ragazzi di Rappocciolo, tutti giovanissimi, si sono battuti con caparbietà, seppur con un gioco ruvido e, a tratti, inconcludente
Foto CorrierediRagusa.it

COPPA ITALIA
MODICA – ACIREALE 0 – 0 (3 – 4 ai rigori)

Marcatori: Paolino (M), Conti (M), Del Soldato (M), Fascetto (A), Dama (A), Montella (A), Calà (A).

MODICA: Falco 6, Paolino 5, Fecarotta 5, Iozzia 6, Fontana 6, Conti 6, Versace 5, Elefante 5 (21mo s.t. Gugliotta, s.v.), Carfì 5, Del Soldato 5, Incatasciato 5 (13mo s.t. Occhipinti 5).
Allenatore: Rappocciolo.

ACIREALE: Calabretta 6, Montella 6, Pagano 6, Calà 7, D’Angelo 6, Fascetto 7, Seck Modu 6, Zumbo 6, Rosa 6 (8vo s.t. Dama 8), Panepinto 6 (8vo s.t. Truglio 6), Sicali s.v. (12mo s.t. Totaro).
Allenatore: Breve.

Ammoniti: Iozzia (M), 39mo p.t. Conti (M), 45mo s.t. Montella (A), 47mo s.t.

Corner: 6 (2 per il Modica e 4 per l’Acireale).

Arbitro: Guarino di Caltanissetta. Collaboratori: Rosanna Cavoli e Ficarra di Palermo.


MODICA – E’ stato l’Acireale ad aggiudicarsi il passaggio del turno di Coppa Italia, alla lotteria dei rigori, al termine di 90 minuti, per buona parte incolori, con un Modica evanescente, incapace di concretizzare. La partita termina a reti inviolate, e, sconfitti ai rigori, i rossoblu sono fuori dalla Coppa Italia. I ragazzi, tutti giovanissimi, si sono comunque battuti con caparbietà, seppur con un gioco ruvido e, a tratti, inconcludente.

Anche il caldo afoso ha rivestito un ruolo determinante nell’economia dell’intera partita. L’Acireale ha comunque saputo approfittarne, confezionando uno schema di gioco più organizzato e mettendo più di una volta sotto pressione i padroni di casa, decisamente più affannati e incapaci di concretizzare anche dei semplici passaggi, molti dei quali sbagliati. Per l’Acireale è stato Dama a pungere di più, andando anche in gol al 42mo del secondo tempo, ma in netto fuorigioco. Le continue azioni ficcanti dell’Acireale, messe a segno soprattutto nella seconda frazione di gioco, hanno sortito però solo l’effetto di mettere in difficoltà il Modica, già in bambola fin dai primi minuti.

Alla fine Dama e compagni, nonostante si siano dimostrati più organizzati e determinati dei rossoblu, non sono riusciti a passare in vantaggio. Inevitabili i rigori, con tre errori del Modica e due dell’Acireale dal dischetto. Alla fine è stato Calà a regalare la vittoria, meritata, alla sua squadra, decisamente ben messa in campo da Breve, che si è sgolato per buona parte della partita. Non che Rappocciolo si sia risparmiato in questo senso, ottenendo però meno risultati dai suoi.

Il Modica è apparso lento, poco pratico e incapace di pungere. Determinante l’assenza delle due punte, i nuovi acquisti Villa e Cerfoglia, che dovrebbero garantire quella qualità e quel peso in attacco che ieri sono stati merce rara. I due argentini non sono stati schierati in campo a causa del mancato arrivo dei transfert. Rappocciolo ha una settimana di tempo, prima dell’inizio del campionato, per mettere insieme un gruppo diverso e più arrembante, al fine di fornire certezze ai tifosi, ieri alquanto dubbiosi sul reale valore di una squadra forse eccessivamente giovane.

Questa la cronaca. I primi venti minuti di gara sono trascorsi lentamente, nella noia più totale. La prima azione degna di nota si verifica al 21mo, quando il nuovo entrato Totaro tenta in acrobazia di girare in rete una palla vagante in area rossoblu, ma Conti contrasta in maniera efficace. Al 24mo l’ex di turno Peppe Rosa scatta in velocità e serve Panepinto, che si beve Paolino e spedisce la palla nell’angolo più lontano, ma il portiere rossoblu Falco si allunga e salva il risultato.

Al 40mo Fascetto, un altro ex del Modica, ci prova su punizione, ma la palla sorvola la traversa. Un minuto dopo, la prima, nitida e unica azione da gol del Modica nel primo tempo: Iozzia serve una palla filtrante a Versace, che non concretizza. Nel secondo tempo, al 17mo, sgroppata di Conti che arriva fin sul vertice destro dell’area difesa da Calabretta, mette al centro, ma D’Angelo, per gli ospiti, respinge. Su ribaltamento di fronte, Dama, solo davanti a Falco, si lascia ipnotizzare dal bravo portiere rossoblu, certamente il migliore dei suoi in campo. Poi i rigori che hanno deciso il match, sancendo il passaggio dell’Acireale e l’addio del Modica alla Coppa Italia.

(Foto Maurizio Melia - TUTTI I DIRITTI RISERVATI, RIPRODUZIONE VIETATA)