Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 988
MODICA - 04/08/2010
Sport - Modica: al Country Club è il momento dei Terza Categoria

Tennis: Ottavi scoppiettanti al memorial Di Tommasi

Il torneo entra nel vivo e raccoglie molto successo

Si avvia verso le fasi finali il 25mo memorial Roberto Di Tommasi. Si sono infatti disputati i quattro match validi per gli ottavi di finale.

I primi a scendere in campo sono stati il n. 4 del tabellone Nazareno Intile, 2.6 del t.c. Carlentini, campione italiano di terza categoria nel 2009, ed il siracusano Luciano Lombardo, 3.2, reduce dalla battaglia con Giustolisi il giorno prima. Primo set equilibrato con Lombardo che riusciva a tenere il ritmo del catanese Intile, quest´ultimo però faceva suo il set al tie-break, ed aveva vita facile nel secondo con un netto 6/2.

Il secondo match è stato giocato da due giovani promettenti siciliani, il 3.3 Antonio Massara del Match Ball Siracusa, ed il palermitano Vincenzo Caldara, 2.8, del 1993. Partita caratterizzata dalle grandi accelerazioni di Massara, che anche se di classifica inferiore spingeva con grande autorità dal fondo con palla pesantissima, supportata anche da un ottimo servizio. Caldara ha provato a restare in gara ma con un rapido 6/2 6/4, il siracusano si garantiva l´accesso ai quarti di finale. Nel terzo match, Eros Siringo, 2.7 del Match Ball Siracusa, non ha avuto alcun problema a battere il 3.2 palermitano Massimo Ienzi, ma ha dovuto cedere al diciannovenne siracusano: 6/1 6/2 in circa un´ora di gioco il punteggio finale per Siringo.

Il programma di giornata si è chiuso con il match clou, tra Emanuele Sammatrice, 2.6 del Match Ball Siracusa, ex B1 e 900 del mondo, ed il 3.2 Stefano Messina, del T.c. Carlentini. Sugli spalti si è visto grande pubblico, e apprezzata presenza in campo dei raccattapalle del Tennis Club Modica organizzati dall´istruttore Ivan Cappello, ha dato quel tocco di professionalità in più alla chiusura di giornata di gare. Il match è stato più equilibrato del previsto, con Messina che non ha dato ritmo al siracusano, variando continuamente la velocità di palla, ed accelerando improvvisamente con il suo dritto carico. Di contro Sammatrice, dotato di un eccezionale gioco di gambe, e di un dritto pesantissimo, è riuscito a stare aggrappato al match fino al tie-break del primo set; Sammatrice è stato più freddo ed ha chiuso con un 7/5 in proprio favore. Nel secondo set un break sul 5/5 ha deciso le sorti dell´incontro, con Messina che sbagliava qualcosa proprio nelle fasi decisive del match; Sammatrice ne ha approfittato ed ha chiuso l´incontro tra gli scroscianti applausi del pubblico.