Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 615
ISPICA - 06/08/2014
Sport - Risultato incoraggiante ai campionati nazionali

Orazio Barreca 4° Ercole dello Jonio di body building

Barreca, 35 anni compiuti sei giorni prima della gara, originario di Rosolini, ma radicato professionalmente ad Ispica nella qualità di istruttore e atleta agonista della palestra «Emotion», accoglie con sportività il quarto posto alle nazionali Foto Corrierediragusa.it

È il quarto «Ercole dello Jonio»: Orazio Barreca (foto) sfiora il podio ai campionati nazionali di body building, organizzati dal Centro sportivo educativo nazionale (Csen) a Corigliano Calabro in provincia di Cosenza. È stato l’atleta più giovane d’età (ma non d’esperienza) a gareggiare nella categoria «Bb 90 kg», partecipando alla dodicesima edizione dell’«Ercole dello Jonio 2014», uno dei più importanti campionati nazionali di body building.

Barreca, 35 anni compiuti sei giorni prima della gara, originario di Rosolini, ma radicato professionalmente ad Ispica nella qualità di istruttore e atleta agonista della palestra «Emotion», accoglie con sportività il quarto posto alle nazionali.«Mi classifico quarto con soddisfazione – afferma Barreca– dato che la preparazione alle gare, normalmente,l’atleta la pone in cantiere almeno un anno prima e, quindi, preparandosi a lungo prima di disputarle. Mentre io ho deciso di parteciparvi diciamo «giornalmente» per dimostrare ai miei atleti, quelli che seguo in palestra, che nulla è impossibile se si vuole veramente raggiungere un obiettivo, bastano costanza e determinazione».

Decisivi, però, nell’iscrizione di Barreca alle gare sono stati altri motivi. «Quest’anno – spiega Orazio – abbiamo subito gli effetti della crisi. Visto il calo delle affluenze in palestra, c’era quindi bisogno di dimostrare che fare attività fisica non fosse un’esclusiva di coloro i quali potessero permetterselo. Decido quindi di rimettermi in gioco, decidendo di gareggiare in diversi campionati di body building, dimostrando che la preparazione atletica non è costosa, ma rappresenta soprattutto rigore e disciplina. Inizio, così, a febbraio, ad allenarmi duramente, abbinando diete per raggiungere la forma e il peso ideali a gareggiare.Il mio particolare allenamento è servito a far riscoprire il significato dello sport ai giovani: sacrificio, costanza, cibarsi in modo corretto».

Incoraggiato anche dai suoi atleti, Orazio Barreca inizia un percorso di quattro gare, iniziando a Rosolini il 21 giugno scorso, guadagnando il podio con un secondo posto.Poi, il 28 giugno, è stato il momento del Gran Prix di Donnalucata, aggiudicandosi il primo posto. Ed ancora, il 6 luglio, è stato il turno del primo Gran Prix organizzato a Comiso, conquistando ancora il primo posto.E, infine, il 26 luglio scorso sfiora il podio ai prestigiosi campionati nazionali organizzati da Csen, classificandosi quarto all’«Ercole dello Jonio».
Barreca è stato inoltre allievo di Marco Muzzi, campione italiano di body building nel 1992. Da personalità come Muzzi ha imparato che «lo sport, praticato con cognizione di causa, significa salute, forma il carattere e sviluppa il senso di rigore e di disciplina, carenti nell’odierna società».