Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1162
ISPICA - 24/11/2013
Sport - La disciplina del Muay Thai

Elenio Donzello sale sul podio veneto degli "Iron fighter"

L’ispicese, 18 anni, studente, s’è distinto nelle arti marziali, lasciando il segno in una delle kermesse sportive più importanti a livello internazionale Foto Corrierediragusa.it

Elenio Donzello sale sul podio veneto degli «Iron fighter», battendo lo sloveno PetruDinca in combattimento, nella disciplina Muay Thai, nel match «K1», categoria 60 Kg. L’ispicese, 18 anni, studente, s’è distinto nelle arti marziali, lasciando il segno in una delle kermesse sportive più importanti a livello internazionale. La manifestazione, infatti, da ben 16 anni, viene proposta a Fiume Veneto, diventando non solo importate teatro mondiale degli sport da ring, ma anche biglietto da visita per i giovani talenti.
Elenio, allenato dal maestro Alessandro Cimino, non è l’unico talento sfornato dall’associazione sportiva «Emotion» della quale è presidente la dottoressa Maria Donzello, personalità sensibile nel coltivare talenti in erba. A rappresentare degnamente la città di Ispica, insieme con il campione Donzello, aprendo addirittura il galà serale della kermesse, coi match clou di «K1», è stato l’atleta Pietro Peluso, detto «the lion».

Peluso, 25 anni, ha combattuto nella categoria 70 kg, confrontandosi con Alberto Perversini, regalando un momento inatteso di puro spettacolo agonistico. Pietro, infatti, s’è misurato con un collega di un certo spessore sportivo, che presentava un curriculum di 13 incontri in più di lui. Un divario quasi incolmabile sul ring. Ma il giovane, pur non riuscendo a strappare la vittoria all’avversario, è riuscito a dargli filo da torcere fino alla fine dell’incontro, facendo appello ad un tecnica sportiva impeccabile (che non è passata inosservata agli occhi dei talent scout che partecipavano alla manifestazione) e agli scattanti ed eleganti movimenti felini che hanno caratterizzato il suo combattimento, procurandosi il soprannome «the lion», il leone.

Elenio e Pietro, oltre l’immane soddisfazione, hanno anche avuto l’opportunità di conoscere atleti del calibro dei fratelli Giorgio e ArmenPetrosyan, del campione italiano ClaudiuIstrate e del campione brasiliano Anderson Santor De Silva, che l’anno scorso strappò inaspettatamente il titolo di «Iron fighter» all’americano KalebDesert.

Nella foto da sx Pietro Peluso, Alessandro Cimino e Elenio Donzello