Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
GIARRATANA - 08/05/2018
Sport - Ciclismo: da Catania a Caltagirone il passaggio della quarta tappa, vince il belga Tim Wellens

Il rosa del Giro e il verde degli Iblei tra Giarratana e Monterosso

Il tracciato da Palazzolo verso i due comuni ragusani valorizza cave, colline e colori della campagna Foto Corrierediragusa.it

Il Giro esalta il paesaggio ibleo. Giarratana (foto) e Monterosso in festa con migliaia accalcati per dare il benvenuto al passaggio della carovana rosa nei due unici centri toccati in questa 101ma edizione. Per i due centri montani è stata la prima volta in assoluto e nulla è stato lasciato al caso perché il passaggio della lunga carovana, con il gruppetto dei primi cinque, seguiti dal resto del gruppo, si è svolto senza intoppo alcuno. Applausi, bandierine, striscioni, e tanto entusiasmo sia in strada sia sui balconi che si affacciano sul tracciato urbano. Al traguardo volante di Monterosso è stato Jacopo Mosca a passare per primo così come aveva fatto a Palazzolo Acreide. Poi tutti, con il gruppo con 2’ di distacco, verso il traguardo della quarta tappa a Caltagirone.

La discesa da Palazzolo verso Giarratana è stata spettacolare non solo per il serpentone colorato che l’ha percorsa tra curve e tornanti ma anche perché la giornata di sole, seppur leggermente ventosa, ha esaltato il colore della campagna con il suo verde intenso puntellato di ulivi, mandorli e carrubi. Un paesaggio che è stato una bella cartolina di presentazione per tutti gli Iblei, attraversati da cave, punteggiati da colline e con un percorso che ne ha messo in risalto le peculiarità. Le riprese dall’elicottero al seguito della corsa hanno fatto apprezzare da un punto di osservazione insolito e privilegiato il paesaggio che da Palazzolo prima discende verso Giarratana e poi risale verso Monterosso per poi ridiscendere verso Vizzini. Un colpo d’occhio verdissimo che si è coniugato benissimo con il colore rosa della corsa.