Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 698
GIARRATANA - 21/11/2010
Sport - Volley serie B2: terzo successo casalingo

Poiatti Giarratana batte Giarre per 3 set a 1

Il sestetto allenato da Roberto Prefetto compie un bel passo avanti in classifica, portandosi a ridosso delle prime Foto Corrierediragusa.it

PASTA ALBERTO POIATTI GIARRATANA - GIARRE 3 - 1

PASTA ALBERTO POIATTI GIARRATANA: Bocchieri 3, Buremi 14, Calò 21, Inguanti ne, Lo Bello 10, Lombardo (L), Manuilov 11, Pappalardo 15, Pellegrino ne, Puglisi ne. All.: Prefetto.

GIARRE: Cubito 12, Gualtieri 6, D’Angelo 2, Battiato 12, Pezzullo 6, Arena 5, Scandurra, Di Dio ne, Pagano ne, Sapienza ne, Belletto (L). All.: Bua

ARBITRI: Caruso e Castagna di Siracusa

PARZIALI: 21-25; 25-12; 25-19; 25-23

NOTE: Poiatti ace 3, battute sbagliate 11; Giarre ace 3, battute sbagliate 8.

GIARRATANA – Terzo successo casalingo per la Pasta Alberto Poiatti che, finora, tra le mura amiche, non sbaglia un colpo. Nella gara valida per la sesta giornata del campionato maschile di serie B2, girone I, giocatasi alla palestra comunale, il sestetto allenato da Roberto Prefetto compie un bel passo avanti in classifica, portandosi a ridosso delle prime. Vincere contro Giarre, che precedeva di ben quattro lunghezze il team ibleo, è stato fondamentale per assicurarsi un tranquillo prosieguo di stagione, in vista delle sfide che arriveranno e che non si annunciano per nulla semplici. Anche stavolta, per la Pasta Alberto Poiatti, inizio da dimenticare.

C’è voluto tutto il carattere di cui il gruppo giarratanese dispone per riuscire a riprendere un match che, nei momenti topici, rischiava di essere rovinato anche da alcune decisioni arbitrali cervellotiche. «Anche stavolta, però – afferma il presidente della società iblea, Raffaele Sammito – siamo stati noi a fare la partita, nel bene e nel male. Abbiamo permesso agli avversari di vincere senza troppi problemi il primo set. Ci siamo svegliati quando ormai era troppo tardi. Li abbiamo annichiliti nel secondo, abbiamo giocato al piccolo trotto nel terzo e abbiamo sofferto tantissimo nel quarto per portare a casa l’intera posta in palio. Ad ogni modo, ancora una volta, dinanzi al nostro pubblico abbiamo una carica speciale che ci mette al riparo da sgradite sorprese. E’ stata una sfida davvero avvincente».

L’inizio troppo poco convinto dei padroni di casa permette agli etnei di portarsi sull’8-2 in men che non si dica. La Pasta Alberto Poiatti prova a ricucire il divario. Troppe disattenzioni ed una serie di palle non gestite con accortezza permettono a Giarre di aggiudicarsi il set. Forse, però, è un bene perché da quel momento, ripresi a dovere dalla panchina, scendono in campo sei giocatori completamente trasformati. E per il Giarre sono dolori. Il secondo set è a senso unico. Nel terzo, un poco più di equilibrio nelle prime battute. Poi, la Pasta Alberto Poiatti prende il largo e per gli ospiti poco o nulla da fare.

Una vera e propria battaglia, invece, il quarto set. Giarre comincia bene ma si fa raggiungere sul 13-13. Da quel momento è un batti e ribatti che non risparmia niente e nessuno. Le conclusioni secche di Calò e gli attacchi precisi di Pappalardo permettono al team di Prefetto di mantenersi attaccato ad un Giarre che pure ci crede, speranzoso di rimettere tutto in discussione al tie break. E’ in quel momento che Manuilov prende le redini in mano e spedisce a terra i palloni decisivi per la vittoria.

«Una sfida durissima – commenta l’allenatore, Roberto Prefetto – abbiamo cercato di superarci, anche stavolta. Avevamo di fronte una buona squadra, che non a caso si trova ai piani alti della classifica, e che però, sulla carta, non poteva contare su un potenziale simile al nostro. L’abbiamo dimostrato anche con i fatti. Bravi a tutti i ragazzi perché hanno dimostrato, sino all’ultimo, di volere con forza questa vittoria che ci consente di portarci avanti quel tanto che basta in classifica per poter sperare in un futuro ricco di soddisfazioni».

Nella foto una schiacciata di Buremi contro il Giarre