Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 727
GIARRATANA - 15/11/2010
Sport - Volley: il team di Roberto Prefetto le ha provate tutte

Volley: Nicodemo Lauria troppo forte per la Poiatti

La squadra iblea aveva sostenuto l’insidiosa trasferta con l’obiettivo di portare a casa almeno un punto

NICODEMO LAURIA-PASTA ALBERTO POIATTI GIARRATANA 3-0

NICODEMO LAURIA: Terranova 3, Lopis 18, Maiorana 8, Riccio (L), Passaro 3, Rja 6, Testagrossa 6, Salomone 1, Pagliata, Cilento ne, Romagnoli ne, Bi Deco ne. All.: Bosco

PASTA ALBERTO POIATTI GIARRATANA: Lo Bello 5, Buremi 7, Calò 9, Pappalardo 9, Manuilov 13, Bocchieri 3, Chillemi 2, Lombardo (L), Puglisi ne, Inguanti ne, Pellegrino ne. All.: Prefetto.

ARBITRI: Giove e Stingone di Avellino

PARZIALI: 25-22; 25-18; 25-22

NOTE: Lauria ace 5, battute sbagliate 11; Poiatti ace 3, battute sbagliate 10.


LAURIA – Niente da fare. Troppo forte il Nicodemo Lauria per la Pasta Alberto Poiatti Giarratana che pure aveva sostenuto l’insidiosa trasferta con l’obiettivo di portare a casa almeno un punto. Ma l’inerzia del match ha subito rivelato che così non sarebbe stato. Tutto ciò sebbene il team di Roberto Prefetto le abbia provate tutte per frenare gli attacchi avversari. I padroni di casa non solo si sono rivelati all’altezza della situazione ma sono andati oltre.

E per i pallavolisti giarratanesi si sono rivisti in qualche modo i fantasmi di Pizzo Calabro, alla prima giornata di campionato. «Sebbene quella di Pizzo sia in qualche modo più squadra – rileva il presidente Raffaele Sammito – anche il Lauria ci ha fatto vedere, a tratti, i sorci verdi e sono certo che si tratta di un gruppo che, sino all’ultima giornata, contenderà la palma della migliore compagine del torneo a quella che avevamo già incontrato all’esordio di questa stagione di B2».

Eppure, la Pasta Alberto Poiatti aveva cercato, in qualche frangente, di rendersi pericolosa. Sin dal primo set, Calò e compagni hanno provato, con una serie di ripetuti attacchi, di minare la ricezione avversaria. «Quello che ci ha punito più del dovuto – prosegue Sammito – è la mancanza di continuità. Riusciamo ad avere qualche fiammata degna di nota. Ma poi lasciamo campo libero al recupero di chi sta dall’altra parte della rete che, in qualche modo, si ringalluzzisce e diventa, così, più difficile da frenare. Siamo un gruppo assortito, è vero, ma ancora non abbiamo dimostrato sino in fondo le nostre potenzialità.

Contro il Lauria potevamo sperare di giocarcela sino in fondo. Almeno così avevamo preventivato alla vigilia. Nel corso dei vari parziali, però, ci siamo resi conto di quanto sarebbe stato difficile mettere la museruola ai loro schiacciatori. E piano piano ci siamo sciolti come neve al sole». Non è bastata la solita generosa partita di Manuilov o l’attenzione posta in campo dall’onnipresente Pappalardo.

Il Lauria ha subito preso le misure agli iblei, rendendo praticamente impossibile ogni velleità di rimonta. «Peccato, avevamo preparato benissimo la partita nel corso della settimana – dice coach Roberto Prefetto – ma ci siamo scontrati con un osso veramente duro. Dobbiamo cercare di recuperare subito la giusta verve per fare tesoro di questa battuta d’arresto, così com’era già accaduto dopo la prima giornata. Mi aspetto, dai miei ragazzi, una reazione all’altezza della situazione dopo una sconfitta che, alla luce di quanto visto in campo, meritavamo ma che è stata, forse, più pesante di quanto si potesse pensare».