Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 982
COMISO - 09/04/2009
Sport - Basket serie D maschile

Basket: doppia sconfitta per Ecoprint e Polisportiva

L’Ecoprint Diana ha ceduto per 65 a 69 al cospetto della Virtus Augusta, mentre la Polisportiva Basket si è arresa dinanzi ai cugini del Raimbow Ispica per 66 a 82

Si è chiuso con una doppia sconfitta casalinga per le due squadre cittadine di Comiso, ossia Ecoprint Diana e Polisportiva Basket, la ventiduesima giornata, nona di ritorno, del campionato di serie D maschile di pallacanestro. L’Ecoprint Diana ha ceduto per 65 a 69 al cospetto della Virtus Augusta, mentre la Polisportiva Basket si è arresa dinanzi ai cugini del Raimbow Ispica per 66 a 82.

Gara contrastante per la Diana, fantastica nella prima parte del match ma irriconoscibile nella seconda, che ha pagato il limitato momento di forma di alcuni dei suoi giocatori più rappresentativi, soprattutto nell’ultimo e decisivo quarto di gioco. Una sconfitta, la quinta consecutiva, che deve far riflettere sia la dirigenza che i giocatori. Messi in disparte da tempo i sogni di gloria, occorre adesso terminare nel migliore dei modi questa prima stagione in serie D, la società presieduta da Carmelo Assenza è, difatti, una matricola del campionato, e, traendo spunto dagli sbagli commessi, ponderare sin da subito la prossima. Discorso inverso, invece, per la Polisportiva Basket.

La squadra è giovane, essenzialmente tutta la rosa è composta da elementi nati dopo il 1991, ma il lavoro operato da Salvo Scrofani sta generando gli effetti sperati. Il quintetto di Scrofani è sempre invischiato nella lotta per non retrocedere, tuttavia ha un esiguo vantaggio, ossia due lunghezze, nei confronti del Salusport Priolo, suo diretto antagonista. Le possibilità di salvezza sono alte, anche se non bisogna assolutamente mollare la presa.