Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 22 Novembre 2017 - Aggiornato alle 23:08 - Lettori online 387
COMISO - 14/07/2017
Sport - Calcio, Promozione: uno dei dirigenti della passata gestione non vuole mollare

Caos Comiso, tutti lo vogliono ma i veti sono troppi

Salvatore Di Stefano disponibile a rilevare la società ma non vuole intralci Foto Corrierediragusa.it

Caos Comiso e tutto resta in aria. La disponibilità dichiarata di Antonio Lauretta di passare la mano al nuovo gruppo di cui è espressione Salvatore Di Stefano (foto), già alla guida della società alcuni anni fa, non è servita a risolvere la situazione. Uno dei componenti la dirigenza, Biagio Zammitto, non ha intenzione di dimettersi e lasciare campo a Di Stefano e compagni o ad altri gruppi. Zammitto vuole restare nella società perché ne ha titolo e non è intenzionato a lasciare anche se gli altri due componenti, Antonio Lauretta e Salvatore Giallongo si sono tirati fuori.

Dal suo canto Salvatore Di Stefano non vuole intralci di alcun tipo, ha detto chiaro che rileva il Comiso a titolo gratuito e senza debiti e vuole chiudere definitivamente con la dirigenza dell’ultima stagione. Tutto sembra essere saltato né ci sono speranze di risolvere la situazione con un altro gruppo che si è dimostrato disponibile a rilevare la società. Salvatore Scifo è il punto di riferimento di un gruppo di sportivi che sarebbero intenzionati a prendere le redini in mano ma la presenza di Zammitto anche per loro è preclusiva. Tra una settimana intanto scade il termine di iscrizione al campionato e l’eventuale domanda di ripescaggio ma il Comiso per il momento è in alto mare.