Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 983
COMISO - 10/04/2016
Sport - Calcio, Promozione: gli azzurri battuti in casa dal Città di Catania, il Licata supera i verdearancio

New Pozzallo e Comiso guai seri, S. Croce ko a Palma

Ultimo turno decisivo in funzione play out per la squadra di Nicolosi e per quella di Rosa Foto Corrierediragusa.it

COMISO – LICATA 1 – 2
Marcatori: 15’ Grillo (rigore), 1’st Martorana, 4’st Rimmaudo.

COMISO: Gurrieri D., Ferrara, Verdicchio, Tumino, Ourodjobo, Gurrieri Antonino, Manneh, Gurrieri Antonio, Fazio, Gurrieri Mirco, Rimmaudo. All.re Nicolosi.


Non riesce al Comiso di raccogliere almeno un punto contro il forte Licata che, in lotta per mantenere il posto di vicecapolista che le permetterebbe di giocare in casa le sfide play off, non ha concesso nulla alla formazione verdearancio, imponendo subito la sua superiorità tecnica e mantenendola per tutti i novanta minuti. La formazione allenata da Nicolosi ha cercato di ribattere in contropiede e con la velocità del reparto avanzato ma la compagine gialloblù è riuscita a fare quadrato e rintuzzare qualsiasi velleità della squadra di casa. La prima occasione della gara era per Rimmaudo che, in contropiede, aveva l’opportunità di infilzare il portiere ospite con un pallonetto insidioso e abile ma l’estremo difensore del Licata riusciva a intervenire con la mano quel tanto da inviare la sfera in angolo. Ospiti al 15’ in vantaggio con Grillo che trasformava un rigore dubbio assegnato dal direttore di gara. La ripresa si apriva al 1’ con il raddoppio della formazione agrigentina grazie a Martorana che rubava palla nella fascia destra, si incuneava, scartava un difensore locale e insaccava all’angolino basso della porta difesa da Gurrieri. Il Comiso reagiva rabbiosamente e al 4’ Rimmaudo in contropiede accorciava le distanze con un tiro da fuori area. Il Licata, subito il gol, nel timore di una piega imprevedibile della gara, era abile a spezzettare il gioco, provocare abili interruzioni e a spazzare l’area senza tergiversare, lasciando senza riferimenti il Comiso che non riusciva così a recuperare il risultato. Adesso la situazione per la formazione verdearancio si fa più dura in quanto la squadra è scivolata al penultimo posto, sebbene ancora dentro i play out. Domenica prossima il Comiso giocherà il tutto per tutto a Ravanusa per cercare di cogliere i tre punti e salvarsi direttamente. Nella peggiore delle ipotesi è sicuro che disputerà i play out.

POLISPORTIVA PALMA – SANTA CROCE 2 – 1

SANTA CROCE: Barrera, Carnazza, Basile, Buscema, Jatta, Cassibba, Campo, Hydara, La Vaccara, Shehu, Silva. All.te La Vaccara.


Il Santa Croce senza ben sette titolari cede l’intera posta in palio all’ultima in classifica, ormai matematicamente retrocessa in quanto, ammesso che possa vincere domenica prossima e il Comiso perdere, nei confronti diretti la formazione comisana è in vantaggio. Alla vittoria non ci credeva la stessa squadra agrigentina che ha affrontato la gara per onorare l’impegno sportivo. Il Santa Croce è andato in svantaggio nel primo tempo, al 15’, subendo poi il raddoppio nel secondo tempo su calcio di rigore. La Vaccara trovava il gol della bandiera sul finale con un tiro da fuori area. Nel Santa Croce ottimi esordi del portierino Barrera, classe ’99 e del giovanissimo Molè, classe 2000 con uno sguardo quindi della società biancoazzurra sul futuro e sul prossimo campionato.

NEW POZZALLO – CITTA’ DI CATANIA 1 – 3

NEW POZZALLO: Amato, Angelica, Inì, Di Mauro, Lazzarini, Presti, Spadola, Scala, Rosa, Azzarelli, Caccamo. All.re Rosa


Il New Pozzallo si congeda dal suo pubblico subendo l’ennesima sconfitta sebbene contro una grande del girone, il Città di Catania, impegnata nel mantenere il posto di vicecapolista per avere così il diritto di giocare in casa le sfide play off. Partita a senso unico a favore degli ospiti che tra il 15’ e il 20’ del primo tempo mettevano a segno il 2-0 e si portavano sul 3-0 al 30’ della ripresa. Il gol della bandiera per il New Pozzallo veniva realizzato al 40’ dal nuovo entrato ed esordiente Nanì. Per il New Pozzallo non cambia nulla, secondo le ultime notizie giunte dalla Lega sicula sul regolamento di effettuazione dei play out, che hanno schiarito la posizione della società pozzallese la quale la scorsa settimana aveva sollecitato un chiarimento proprio sul regolamento di disputa dei play out. La squadra infatti, visto il ritiro nel proprio girone del San Gregorio e la sua retrocessione diretta, se a fine della regular season avrà un distacco di più di dieci punti dalla formazione che la precede in classifica, non sarà direttamente retrocessa ma disputerà lo spareggio con la perdente dei play out del girone D di Promozione.