Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 459
COMISO - 12/10/2014
Sport - Calcio, Promozione: doppiette di Puma e Ruscica per la squadra camarinense

Comiso battuto a Gela, Santa Croce passa a Pachino

Contro il Macchitella soliti errori difensivi, furioso il presidente Mascara Foto Corrierediragusa.it

Macchitella Gela-Comiso: 4-3
Marcatori: 11´pt Scudera, 24´ pt Casabona, 32´ pt Mascara, 45´ pt M.Gurrieri, 3´st Tuvè, 16´st Secondo, 29´ st Scudera

Comiso: Gurrieri D., Secondo, De Maria (45´st Nigita S.), Manuello (45´st Cassarino), Giarratana, Guarino, Rimmaudo, Gurrieri M., Cinnirella, Mascara, Navanzino (10´st Altamore). A disp.: Meli, Nigita B., Blanco, Campo. All. Fichera

Arbitro: Puglisi di Siracusa


Comiso coraggioso ma concede troppo. A Gela i verdearancio subiscono ben quattro gol e si devono arrendere nonostante avessero recuperato il doppio svantaggio iniziale. E´ stato Scudera, mattatore della giornata con due reti, a realizzare il gol della vittoria con una splendida punizione che non lascia scampo a Gurrierri. Il Comiso era riuscito a recuperare le due reti gelesi prima con una punizione pennellata da Mascara e poi con un bolide da fuori area di Mirco Gurrieri. Secondo con un tiro preciso aveva trovato ancora il pari al 16´ della ripresa. Il Comiso esce così sconfitto ma deve rafforzare una difesa che subisce troppi gol. Furioso il presidente Mascara : "C’è una involuzione a livello fisico dei giocatori, una diminuzione evidente della concentrazione mentale e dell’impegno e una insufficiente disposizione in campo dei giocatori. A questo si assomma – continua Mascara – una campionato che già si sta dimostrando falsato a causa di possibili ritiri di squadre. Paghiamo molti soldi per l’iscrizione – osserva – ma non abbiamo una giusta qualità degli arbitri e una assistenza da parte delle istituzioni calcistiche>>. Non si sa nei prossimi giorni a cosa approderà lo sfogo del presidente del Comiso.

Pachino- S. Croce: 1-4
Il Santa Croce ritorna alla vittoria, confermandosi squadra da partite esterne. E’ infatti la terza gara fuori casa dalla quale la formazione biancazzurra torna vittoriosa, con un ruolino di marcia che non ha pari. In tre gare esterne la formazione allenata da Buoncompagni e La Vaccara ha segnato ben quattordici gol, subendone solo due. Il Santa Croce sarebbe più in alto in classifica solo se avesse guadagnato qualche altro punto nelle due gare interne perse con una grande dose di sfortuna e con evidenti errori arbitrali.

Nella gara vinta con il Pachino però la squadra ha risentito della qualità del terreno di gioco in terra battuta, molto polveroso e veloce, che non ha aiutato a far emergere le grosse potenzialità tecniche dei suoi giocatori. Nei primi venti minuti la squadra è apparsa deficitaria dal punto di vista del gioco e della manovra. Il Pachino era andato in vantaggio al 9’ con un eurogol di Adamo ma il Santa Croce riusciva a trovare il pareggio con Puma al 20’ con un bel diagonale su assist di Bonarrigo. Al 35’ Ruscica di testa insaccava da un cross su punizione di Bonarrigo. Nella ripresa la squadra, sebbene in vantaggio, ha sfoderato ancora più determinazione portandosi al 12’ sul 3-1 con Puma che ribadiva in rete una corta respinta del portiere da un tiro di Bonarrigo su punizione. Al 32’ era ancora Ruscica a segnare con un tiro dai quaranta metri che sorprendeva l’inesperto giovane portiere locale.