Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 11
COMISO - 21/03/2014
Sport - Calcio, Promozione: sempre difficile la situazione in casa verdearancio

Il Comiso richiama Lucenti, S. Croce contro Ribera

La compagine di La Vaccara e Buoncompagni deve evitare i play out e cerca punti Foto Corrierediragusa.it

Le partite della 13ma giornata di ritorno:
Real Biscari – Aquila Sammichelese
Santa Croce – Ribera ‘54
Usa Sport Caltagirone – Comiso


Fra le tre formazioni ragusane impegnate in Promozione, il Real Biscari è quella che, sulla carta, sembra avere il compito più facile dovendo affrontare l’ultima in classifica che sembra non avere speranze di evitare la retrocessione diretta. La compagine biancoceleste è in sensibile crescita nel gioco e potrebbe agganciare il treno dei play out all’ultima corsa, sperando anche nelle battute d’arresto delle altre squadra in lotta per non scivolare nello spareggio post campionato. La formazione del presidente Salvatore D’Aparo spera anche nella qualità delle terne arbitrali da qui alla fine del torneo dopo l’increscioso episodio del recupero di mercoledì scorso quando il Real Biscari contro l’Atletico Gela si è visto annullare un gol regolare non dal direttore di gara, che l’aveva convalidato, ma dal guardalinee che ha scambiato lucciole per lanterne con una decisione molto sospetta e inopportuna. I biancocelesti saranno al completo, non mancando giocatori per infortunio o squalificati e cercheranno di dimenticare la gara infrasettimanale.

Dietro le ali dell’entusiasmo dopo la grande impresa di mercoledì scorso in Coppa Italia, quando fuori casa e dopo lo 0-0 dell’andata ha vinto 3-2 ed è entrata in semifinale, il Santa Croce affronterà fra le mura amiche la capolista del campionato e già promossa in Eccellenza Ribera ’54. I biancazzurri avranno dalla loro, oltre al fattore campo e il morale alto per l’importante successo, con tutta probabilità anche il basso agonismo che potrebbe mostrare la formazione agrigentina se si rileva sentirsi appagata dell’ormai raggiunta promozione. La compagine allenata da Buoncompagni e La Vaccara dovrà comunque fare affidamento nei propri mezzi e cercare il risultato pieno per allontanarsi dalla possibilità di disputare i play out. I giocatori sono tutti a disposizione dei tecnici e quindi saranno schierati tutti i titolari.

Novità a ripetizione nel Comiso. Gaetano Lucenti (nella foto) è ritornato alla guida tecnica della squadra dopo le dimissioni di Peppe Carbonaro. E´ il tentativo estremo da parte del presidente Luigi Mascara di salvare il salvabile ed evitare la seconda retrocessione di fila. Lucenti ha risposto all´appello lanciatogli da Mascara che ha richiamato anche il direttore sportivo Franco Pluchino che si era dimesso tre settimane fa. "La situazione è quasi disperata e la salvezza veramente difficile - ha dettolo stesso Pluchino - Ci proveremo con l´esperienza e la buona volontà di tutti".

Il problema che il Comiso deve innanzitutto risolvere è la mancanza di giocatori dopo la fuga di molti titolari. Lucenti e Pluchino si sono messi subito al lavoro ma non si sa quanti risponderanno alle sollecitazioni dell´allenatore. La squadra inoltre si allena quando può e con soli otto giocatori. Troppo pochi per affrontare la trasferta di domenica sul campo dell´Usa Sport a Caltagirone. Il Comiso in ogni caso le tenta tutte ma la società è la prima imputata per questa situazione determinata dalle continue liti e le contrapposizioni tra i dirigenti.