Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1233
COMISO - 04/02/2014
Sport - Calcio, Promozione: il dirigente aveva dato le dimisssioni subito dopo la gara di domenica

Il presidente Mascara conferma Pluchino ma il ds nicchia

Scrive in un cominicato Franco Pluchino: "Un mio eventuale ritorno è subordinato al rientro della squadra a Comiso, non solo per le partite casalinghe ma soprattutto per gli allenamenti" Foto Corrierediragusa.it

Il presidente del Comiso, Luigi Mascara (nella foto), ha respinto le dimissioni del direttore sportivo Franco Pluchino, ufficializzate dallo stesso dirigente dopo la gara vinta domenica scorsa dalla formazione verearancio per 5-0 sull’Aquila Grammichelese. Il direttore sportivo Pluchino ha così risposto alla volontà della società comisana di riprendere il rapporto interrotto: «Nel prendere atto della volontà da parte della società Comiso di respingere le mie dimissioni – ha esordito in un comunicato stampa Pluchino - innanzi tutto ringrazio i presidenti Mascara e Distefano per la stima dimostratami, sia a titolo personale che societario e ritengo giusto precisare che la mia decisione successiva alla partita di domenica, è dovuta al susseguirsi di una serie di polemiche e discussioni che si protraggono ormai da tempo immemore.

Un mio eventuale ritorno – ha precisato il ds del Comiso - è subordinato al rientro della squadra a Comiso, non solo per le partite casalinghe ma soprattutto per gli allenamenti, in quanto la squadra si allena a singhiozzo da più di un mese e la situazione logistica è ormai divenuta insostenibile con aggravio di costi inutili sia per la società che per i calciatori. A tal proposito – osserva Pluchino - invito le parti a confrontarsi serenamente per risolvere un problema che alla fine non giova a nessuno. Chiedo inoltre alla società comunita´ di intenti, mettendo al bando sterili e, spesso, infantili discussioni da cortile, basate quasi sempre su nulla o sul sentito dire, che non fanno altro che creare confusione e discredito, nella consapevolezza che remando tutti dalla stessa parte, ancora qualche piccola soddisfazione può essere data alla città ed ai tifosi, purché la squadra venga lasciata tranquilla e ci
venga data la possibilità, di rinforzare l´organico, ormai ridotto all´osso e meno competitivo di prima. La mia porta rimane aperta – conclude il ds del Comiso - ma purché ci si metta in condizione di continuare fino alla fine del campionato con serenità per cercare di raggiungere l´obiettivo play-off che è ancora alla nostra portata».