Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1138
COMISO - 29/04/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: la denuncia del presidente Salvatore Distefano sul finale di campionato

"Combine" in Eccellenza? Il Comiso vuole chiarezza

La società ha chiesto al presidente del Comitato regionale siculo, Sandro Morgana, di approfondire. Interessata la Procura federale

Il Comiso non ha digerito ancora la retrocessione in Promozione. Il finale di stagione ha lasciato l’amaro in bocca soprattutto per come si sono determinati alcuni risultati. La denuncia del direttore sportivo dell’Aci S. Antonio, Santo Palma, che ha rivelato di essere stato avvicinato prima dell’incontro con il Rosolini da un dirigente della squadra siracusana per «aggiustare» il risultato della partita ha squarciato il silenzio anche se, per la verità dei fatti, l’Aci S. Antonio, ha vinto sul campo la gara ed il presidente Piero Errante ha smentito seccamente Palma.

Il Comiso, comunque, vuole vederci chiaro e si è rivolto al presidente del Comitato regionale siculo, Sandro Morgana, che ha recepito le riserve del presidente del Comiso Salvatore Distefano ed ha interessato subito la Proccura federale. Dice il presidente Distefano: «Il finale della partita di campionato tra Avola e Rosolini non ci convince. Il difensore dell’Avola, Mastronardi, ha parlato di «accordi trasversali» e l’allenatore Lucio Tosto si è dimesso dopo aver detto chiaramente che i suoi giocatori lo avevano tradito. Nell’ultima giornata l’Orlandina si è fatto rimontare due gol dalla Nuova Igea ed il Rosolini, in dieci, rimonta e vince contro il Tiger Brolo negli ultimi minuti. Ma ci sono altre partite che non convincono come la vittoria del S. Gregorio sul campo del Tiger. Noi abbiamo giocato sempre lealmente e vogliamo che si faccia chiarezza».