Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1310
COMISO - 19/03/2013
Sport - Calcio Eccellenza: verdearancio sempre più giù in classifica dopo la sconfitta di Aci S. Antonio

Retrocessione diretta dietro l´angolo per il Comiso

L’allenatore Borgese: "Non ci arrediamo e giocheremo le ultime tre partite alla morte"

E’ un Comiso ormai disperato. Con la sconfitta di Aci S. Antonio i verdearancio restano alle spalle del Rosolini e a dodici punti dal Taormina. In termini pratici vuol dire che non ci sarà neppure la possibilità di disputare i play out perché la distanza deve essere inferiore a dieci punti. Sul campo etneo, come con l’Orladina, una sconfitta arrivata all’ultimo minuto e tanto rammarico. Ora restano tre gare da disputare, di cui due in casa, ma la situazione è veramente difficile.

Peppe Borgese analizza il momento della sua squadra: «Aci Sant´Antonio avevo gli uomini contati. Tra infortunati, squalificati e febbricitanti, ho potuto convocare solo quindici effettivi. Non si tratta di accampare scuse, ma non riusciamo ad esprime un gioco offensivo adeguato. Non posso lamentarmi di nessuno sul piano dell´impegno. Le nostre punte hanno difficoltà a battere verso la porta avversaria e nel suo complesso il gioco d´attacco non è così incisivo. Diventa difficile gestire una vittoria, perché anche gli altri corrono e le partite da giocare diminuiscono, figuriamoci quando perdi a tempo scaduto o a qualche minuto dalla fine. Non ci arrenderemo, cercheremo di onorare comunque il campionato soprattutto per la città che non merita un finale di stagione mediocre e speriamo di acciuffare i play out».

E´ successo sabato:

ACI SANT’ANTONIO-COMISO 2-1
Il Comiso perde al 90’ ad Aci Sant’Antonio e adesso anche i play out sono a rischio. Solo un miracolo può salvare la formazione di Peppe Borgese. Anche in questa partita, come quella persa domenica scorsa con l’Orlandina, i verdearancio devono arrendersi in pieno recupero. Sfortuna? Ma anche mancanza di carattere di una squadra che non sa amministrare il risultato. Come attenuante, le numerose assenze per squalifica e per influenza.

Al gol iniziale dei catanesi, giunto intorno al 10’, il Comiso è riuscito a pareggiare con un calcio di punizione di Ravalli, complice una mezza papera del portiere etneo. Quando l’incontro sembrava incanalato sull’1-1, ecco la beffa del gol a tempo quasi scaduto che dà i 3 punti all’Aci e spegne le speranze del Comiso. Adesso ci saranno due domenica di riposo per la festività pasquale e dopo le ultime 3 partite che potrebbero sancire la retrocessione della squadra comisana.