Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1434
COMISO - 13/11/2012
Sport - Volley, serie C: in vantaggio per 2-0 si fa recuperare ma poi esce alla grande

Logos Comiso pirata a Paternò. Vince 3-2

Coach Campo ha operato delle sostituzioni coraggiose nel quinto parziale recuperando la gara
Foto CorrierediRagusa.it

La Logos Ardens Comiso passa a Paternò e conquista la seconda vittoria che consente alle comisane di conquistare il secondo posto con 5 punti, in compagnia del Giavì Pedara, superata a quota 6 solo da Hobbit Scordia e Team Volley Catania.

Più in basso tutte le altre: quota 4 per la PVT Modica, a 3 punti stazionano Planet Pedara, Volley Modica e Pallavolo Augusta; l’Autoscuole Bellia con un solo punto nel carniere, chiudono la classifica, con uno zero all’attivo, Pallavolo Caltagirone, Normanna Volley e Polisportiva Annunziata.

La Logos Comiso ha fatto suo ilmaatch dopo due ore e mezza e superando le forti catanesi al tie-break. Il primo parziale si chiude con con il punteggio di 23 a 25. Netta la supremazia ipparina nel secondo set; solo nel finale, sul punteggio di 19 a 24, le atlete comisane, a causa di qualche disattenzione di troppo, rischiano il rientro delle avversarie, che per loro fortuna non si concretizza: 23 a 25 e 2 a 0 per la Logos nei parziali.

Cambia radicalmente la partita nel terzo set. Le paternesi, sospinte da un caloroso pubblico impattano il risultato, conquistando il terzo ed il quarto set con i parziali di 25 a 19 e 25 a 18.

A questo punto si poteva pensare ad una debacle per la Logos ma coach Campo rivoluziona la formazione sul rettangolo di gioco; in palleggio, al posto di Alessia Campanella, positiva nella prima parte del confronto ma in difficoltà nel finale, inserisce la più piccola delle sue atlete, Marina Gueli classe 97; nel ruolo di opposto, ad una sfiancata Federica D’Avola, anche lei bene la prima parte un po’ meno la seconda, subentra Denise Iapichino, fino ad allora quasi del tutto inutilizzata; in posto quattro, dopo aver provato durante l’arco del match tutte le soluzioni a sua disposizione, decide per Irene Fratantoni e Paola Guccione; centrali, Selene Gambini e la sempre più in crescita Chiara Occhipinti: Rossana Gueli, anche lei in indiscutibile evoluzione, nel ruolo di libero. La Logos Ardens Comiso lotta punto a punto, con convinzione e conquista la meritata vittoria con il parziale di 12 a 15.