Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 987
COMISO - 28/09/2012
Sport - Calcio, Eccellenza: duro confronto tra sindaco e società che non lascia tranquillo l’ambiente

Comiso in trasferta contro il Due Torri per ripartire

Mancheranno Valerio e Rotondo, entrambi squalificati per due giornate per le espulsioni rimediate nel derby contro il Vittoria

Comiso incerottato sul campo di Gliaca di Piraino dove incontra il Due Torri. Gli uomini di Peppe Carbonaro dovranno infatti fare a meno di Valerio e Rotondo, entrambi squalificati per due giornate.

Assenze importanti nello scacchiere della squadra soprattutto a centrocampo dove Valerio garantisce quantità e qualità. Incerta anche la presenza di Michele Boemia che ha ancora un fastidio al piede ed è reduce da un altro infortunio. Carbonaro cerca di far quadrare il cerchio ed attende qualche rinforzo come Gabriele Abbate, classe ’93, attaccante, proveniente dal Terrasini, che in questi giorni si è allenato con i verde arancio.

La formazione del Comiso diventa dunque obbligata per almeno 1011mi e Carbonaro ha fatto appello allo spirito di reazione e dall’orgoglio dei suoi uomini per uscire indenni dal campo tirrenico. Il due Torri è squadra di alta classifica e non vorrà farsi sfuggire l’occasione di conquistare i tre punti. La situazione societaria dei verdearancio tra l’altro non ha aiutato la serenità della squadra nonostante il tecnico ha fatto di tutto per tenere i suoi uomini al di fuori delle polemiche di questa settimana.

Il confronto tra la dirigenza ed il sindaco sulla questione campo sportivo:


Le misure restrittive derivanti dal dissesto, pare non stiano risparmiando neanche le attività sportive. Pochi giorni fa, si è tenuto un incontro poco sereno tra l’amministrazione comunale e le società sportive. Toni accesi e rimpalli di responsabilità tra il sindaco ed i dirigenti del Comiso calcio hanno portato ad un nulla di fatto. La società casmenea ha minacciato di abbandonare il campo comisano e la squadra stessa.

Il sindaco Alfano ha confermato la necessità di procedere alla richiesta di un canone da parte dei soggetti che intendono usufruire delle strutture pubbliche o, in alternativa, di affidarne la gestione a terzi. Per quanto riguarda il Palasport alcune società stanno valutando la possibilità di candidarsi alla gestione diretta, ma hanno chiesto un supplemento di informazioni, riservandosi di valutare appieno la sostenibilità della gestione.

In caso contrario non ci saranno problemi a corrispondere il canone orario forfettario richiesto dal Comune. Parole grosse invece per quanto riguarda i fruitori dello stadio Comunale con uno scontro accesissimo tra i dirigenti del Comiso Calcio e il Sindaco. Tra minacce di abbandonare squadra e città, riferimenti alla legge e agli obblighi derivanti dal dissesto, accuse di non essere stati chiari qualche mese addietro, quando il Comiso calcio è stato al centro di trattative per la proprietà, lo scontro verbale accesissimo tra la dirigenza e il sindaco si è protratto a lungo concludendosi con una pausa di riflessione che potrebbe portare novità clamorose nei prossimi giorni per il calcio in città.