Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 828
COMISO - 27/06/2012
Sport - Calcio: decisivo l’ultimo incontro con il sindaco Peppe Alfano, venerdì assemblea dei soci

Distefano rinuncia e passa il Comiso al gruppo Mascara

Il presidente uscente ed i suoi collaboratori non hanno avanzato alcuna pretesa economica per la cessione della società. Entusiasmo tra i tifosi

Operazione conclusa. Il Comiso va alla famiglia Mascara. Il nuovo presidente sarà Marcello Mascara, padre di Peppe, il giocatore del Novara, che ha voluto assumersi l’onere di rilevare la società.

Il sì definitivo è arrivato alla conclusione dell’incontro del vecchio gruppo dirigente con il sindaco Peppe Alfano. Il presidente uscente Salvatore Distefano ha comunicato al sindaco di rinunciare alle sue pretese economiche per il bene della società e per favorire il subentro del gruppo Mascara. «Lo facciamo per il futuro della società – ha detto il presidente Distefano - Auguro alla nuova società di cogliere gli obiettivi che si è proposta».

Alla formalizzazione del passaggio manca solo il sì dell’assemblea dei soci che si terrà venerdì. Dovrebbe solo essere un passaggio formale e poi Peppe Mascara ed il suo gruppo saranno operativi. Entusiasmo tra i tifosi per la conclusione della trattativa che apre nuovi orizzonti per la società.

Il gruppo Mascara ha annunciato di volere rafforzare il settore giovanile e di puntare a duna squadra che nel giro di tre anni approdi in serie D. Peppe Mascara, seppur tra le quinte, darà il suo contributo soprattutto in termini tecnici ed i suoi contatti nel mondo del calcio non potranno che giovare al Comiso. Intanto si pone il problema dell’assetto tecnico del Comiso a cominciare dalla riconferma, o meno, di Peppe Borgese alla guida della squadra.