Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 686
COMISO - 27/03/2012
Sport - Calcio: pugno duro del presidente Distefano, multe ai giocatori e stipendi congelati

"Con l´Aquila è stata un´esibizione vergognosa"

Il calendario dà una mano ai verdearancio e Borgese recupererà gli assenti

Pugno duro della società per quella che il presidente Distefano ha definito "una prestazione vergognosa. Non si può accettare che il Comiso, pur in condizioni rimaneggiate, per le numerose assenze, non giochi a calcio, ne’ sperare che le altre squadre coinvolte nella lotta per la retrocessione perdano. Fortunatamente le altre squadre non ne hanno approfittato; inoltre il calendario finale ci è favorevole, purchè si ritorni a vincere, ma soprattutto a riacquistare quella giusta grinta e determinazione che avevamo nel passato».
Distefano multeerà i giocatori e congelerà gli stipendi fino alla fine del campionato. Unica nota positiva è stato l’esordio di Oscar Mascara che, a causa delle numerose assenze, era stato prelevato dalla squadra di calcio a 5 di Comiso. Peppe Borgese alla ripresa del campionato, contro l´Enna potrà contare nuovamente su D´Agosta, Sammito, Gurrieri ed Indigeno.

E´ successo domenica:
Aquila Caltagirone - Comiso 2 - 0
Marcatori: 23´ pt Pardo, 13´ st Brancacci


Il Comiso affonda contro l’Aquila Caltagirone. Brutta sconfitta per i verde arancio che peggiorano la posizione in classifica e sono impelagati nella zona play –out. E´ stata una sconfitta senza attenuanti che deve far riflettere tutto l´ambiente.

A Caltagirone il Comiso si è presentato in formazione rimaneggiata per quattro squalificati ed è andato subito in svantaggio per un gol di Pardo al 22’ subito per l’ennesima distrazione difensiva. Le cose sembravano mettersi per il verso giusto per i ragazzi di Borgese quando i padroni di casa restavano in dieci a metà del primo tenpo per l’espulsione di un giocatore ospite che ha sferrato un pugno al difensore Cassibba.
I verdearancio hanno avuto un’ora per recuperare ma non ce l’hanno fatta ed hanno anzi subito il secondo gol ad opera del capitano Brancacci su azione di rimessa.

Discorso chiuso ed il Comiso è agganciato dal Modica a quota 32 con il Misterbianco solo un punto dietro.

«La mia squadra non ha avuto il coraggio di giocare - afferma il presidente del Comiso Distefano raggiunto telefonicamente subito dopo la gara - Ora devo capire il perché. Abbiamo giocato male, dobbiamo scendere in campo più motivati e determinati per mantenere la categoria. Ora le partite che restano sono tutte finali, ce la metteremo tutta per raggiungere la salvezza".