Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1334
CHIARAMONTE GULFI - 12/08/2012
Sport - Automobilismo: solo 10 mila euro dalla Provincia per la 55ma edizione della corsa

"Monti Iblei" a rischio, il sindaco cerca soldi e sponsor

"Il contributo della Provincia è ridicolo" dice il sindaco Vito Fornaro

Non ci sono soldi e la 55ma edizione della «Monti Iblei» è a rischio. Il sindaco di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, ha lanciato l’allarme dopo la decisione della Provincia di decurtare in modo drastico l’erogazione del contributo.
«Siamo passati a 1.500 euro – afferma il primo cittadino – rispetto ai 10 -12 euro e più degli anni precedenti. Il Comune, è impossibilitato ad accollarsi per intero i costi previsti. Stiamo cercando, con alcuni sponsor privati, di compensare queste perdite.

Il Comune di Chiaramonte ha confermato la somma di undicimila euro ed è intenzionato a tentare quanto possibile per confermare un evento molto atteso che costa 70 – 80 mila euro. Il sindaco ed alcuni amministratori sono stati ricevuti dal commissario straordinario Giovanni Scarso che ha confermato il taglio del contributo.

«Ringraziamo il commissario per la sua disponibilità – dice il sindaco Vito Fornaro – ma non riteniamo che una Provincia possa farsi carico di una simile manifestazione sportiva, la più antica dell’area iblea, con un sostegno così esiguo che sfiora il ridicolo: la Monti Iblei alla stregua di una festa patronale. Lanciamo, ad ogni modo, un appello agli sponsor privati, agli sportivi, perché possano fare sentire la propria vicinanza agli organizzatori. Stiamo lavorando per cercare soluzioni alternative. La Provincia, dopo una scelta del genere, si è di fatto defilata, per cui resta al Comune e agli organizzatori l’onere di questa manifestazione».