Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 14:57 - Lettori online 958
CHIARAMONTE GULFI - 27/09/2017
Sport - Calcio: tante le società iblee presenti, l’intervento del Presidente della Regione Rosario Crocetta

Calcio ibleo in salute. La Mattina "Correttezza e integrazione"

Avviati tutti i campionati di competenza della delegazione Figc di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

Le società calcistiche iblee si sono ritrovate a Chiaramonte presso la sala Sciascia per l’annuale assemblea di inizio stagione. E’ stato il delegato della sezione di Ragusa, Claudio La Mattina, a dare il benvenuto agli ospiti, tra cui il Presidente della Regione Rosario Crocetta, il sindaco di Chiaramonte, Sebastiano Gurrieri, il presidente degli arbitri siciliani, Michele Cavarretta (foto). Presenti un gran numero di società con i loro dirigenti. Dice Claudio La Mattina: «E’ stato un momento di coinvolgimento, di presentazione, di compendio a ciò che abbiamo fatto la scorsa stagione di come siamo riusciti a dare un impulso al calcio ibleo. Abbiamo fatto tanto e tantissimo vogliamo fare.

Le parole del Presidente Crocetta, sono per noi motivo di stimolo e di riflessione. La sua lucida analisi sul calcio, sul fenomeno sociale che esso è, il suo apprezzamento per la nostra azione, hanno significato pregnante e perfettamente confacente a come noi vediamo questo sport, che è tanto e che rappresenta tanto per la società di oggi. L’apprezzamento che ha espresso, in particolare, su come noi abbiamo concretamente fatto integrazione razziale, hanno fatto piacere. L’esperienza vissuta lo scorso anno con la partecipazione al campionato di III categoria di una squadra fatta esclusivamente da migranti, è stato l’esempio di come noi intendiamo il calcio, di come ogni componente della nostra Delegazione, intenda il calcio: gioco, divertimento, integrazione, socializzazione e vera condivisione. Il fatto poi di avere ridotto a zero quei brutti episodi che, troppo spesso, avevano connotato le esperienze nei cosiddetti ‘campi di periferia’, è un ulteriore motivo di soddisfazione per il nostro lavoro. Sono davvero soddisfatto di una stagione positiva» .