Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 484
CHIARAMONTE GULFI - 27/08/2017
Sport - Automobilismo: il pilota catanese al quarto successo è il più veloce di sempre in Gara 1

Domenico Cubeda vince e fa record alla 60ma Monti Iblei

Successo per la Categoria Auto storiche e Challenge Minicar Foto Corrierediragusa.it

Quaterna del catanese Domenico Cubeda (foto) alla 60ma edizione della Salita Monte Iblei. Una vittoria caratterizzata dal nuovo record del tracciato (2’28»28) stabilito in Gara 1 che di fatto ha abbassato di 1»02 il primato detenuto dallo stesso Cubeda. Tanti gli appassionati che hano seguito la gara lungo le tribune naturali del tracciato tecnico di 5.500 metri ricavato da una sezione della Provinciale 7 tra Roccazzo e Chiaramonte, caratterizzata da un dislivello di 410 metri con pendenza media del 6,68%. La partenza « è stata data nei pressi della zona artigianale mentre il traguardo è stato posto nei pressi del centro abitato.

Nella classifica assoluta il catanese Domenico Cubeda su Osella FA 30 Zytek ha fatto registrare i migliori tempi, sia nella Gara 1 con 2’28»28 tempo che rappresenta il record assoluto del percorso, sia nella Gara 2 con 2’30»27, per un totale di 4’58»55; al secondo posto si è piazzato Vincenzo Conticelli di Marsala a bordo della sua Osella PA 30 con propulsore Zytek da 3000 c.c che ha totalizzato il tempo complessivo di 5’08»10 (Gara 1: 2’33»54 – Gara 2: 2’34»56), mentre l’ultimo gradino del podio è stato occupato da Francesco Conticelli figlio di Vincenzo su Osella PA 2000 Honda con il tempo di 5’08»93 (Gara 1: 2’34»16 – Gara 2: 2’34»77).

Nella speciale Coppa Monti Iblei, riservata alla Categoria Autostoriche, a salire sul più alto gradino del podio è stato il palermitano Ciro Barbaccia al volante della sua Stengere Bmw con il tempo complessivo di 6’03»49 (Gara 1: 3’04»48 – Gara 2: 2’59»01), al secondo posto si è classificato il messinese Manlio Munafò a bordo di una Lucchini Sn 89 che ha bloccato i cronometri a 6’29»35 (Gara 1: 3’15»25 – Gara 2: 3’14»10), mentre l’ultima piazza d’onore è andata al comisano Francesco Corallo su Alfa Romeo 1750 Gt V che ha totalizzato il tempo a 6’32»70 (Gara 1: 3’16»88 – Gara 2: 3’15»82).

Per il trofeo Challenge Minicar di Assominicar a piazzarsi al primo posto è stato il catanese Giuseppe Marino su Fiat 500 che ha totalizzato il tempo di 6’57»95 (Gara 1: 3’29»22 – Gara 2: 3’28»73), al secondo posto si è classificato Salvatore Sotera su Fiat 500 con il tempo di 7’20»46 (Gara 1: 3’39»76 – Gara 2: 3’40»70), mentre l’ultimo gradino del podio è andato ad Alfio Messina, anche lui su Fiat 500 con il tempo di 8’54»45 (Gara 1: 3’49»34 – Gara 2: 2’06»56).