Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 647
VITTORIA - 03/03/2010
Spettacoli - Vittoria: al «Teatro Colonna» una delle migliori commedie della stagione

Ottavia Piccolo e Viviani ne «La commedia di Candido»

La scelta infrasettimanale non ha fatto il pienone, ma gli artisti hanno dato il massimo della loro bravura. Ottavia Piccolo: «Spero di ritornare con un lavoro su Anna Politkovskaya»
Foto CorrierediRagusa.it

Di martedì sera non ci si poteva aspettare di più, neanche se sul palco del «Colonna» va in scena una delle piece più belle e d’alto livello della stagione teatrale organizzata dall’assessore Luciano D’Amico. Di certo, la formidabile coppia di mattatori Ottavia Piccolo e Vittorio Viviani avrebbe meritato un teatro gremito in ogni ordine di posti.

Invece, a godere della frizzante e brillante opera di Stefano Massini, portata in scena dal regista Sergio Fantoni, sono stati in pochi. Peggio per gli assenti, che hanno sempre torto. Denis Diderot, Jean Jacques Rousseau e Francois Voltaire, ovvero la Filosofia con la F maiuscola dell’Illuminismo del ‘700, in un triangolo arguto e satirico che mette in risalto, fra l’altro, l’antagonismo costante fra intellettuali di tale levatura.

Un trio, superbamente interpretato da Vittorio Viviani, completamente nelle mani di Augustine (Ottavia Piccolo), la vulcanica camiera –attrice, che su commissione di Diderot si trasforma in una sorta di «007» d’alto bordo per scoprire cosa contiene «Candido», il libro che Voltaire sta dando alle stampe e con il quale preannuncia di volere mettere alla berlina tutti potenti della terra, i valori e gli stessi colleghi.

«Peccato che non ci sia stato il pienone- dice l’assessore Luciano D’Amico- di sabato sarebbe stato diverso. Ma la commedia è stata bellissima». Soddisfatta anche la l’attrice bolzanese e protagonista, che in mattinata ha fatto shopping in via Cavour. «Spero di tornare in questo meraviglioso teatro l’anno prossimo con «Donna non rieducabile» un lavoro che ho già portato in scena su Anna Politkovskaya, la giornalista russa assassinata a Mosca, per la regia di Stefano Massini».

(nella foto sopra una scena della commedia)