Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1095
VITTORIA - 03/04/2008
Spettacoli - Vittoria- Iniziativa culturale del Comune per la fine di maggio

Grazie a Cafiso, Vittoria sarà capitale del jazz siciliano

La manifestazione firmata anche dal "Rotary jazz award". Borse di studio in denaro per i primi 3 jazzisti classificati Foto Corrierediragusa.it

Vittoria come Umbria jazz? Paragone iperbolico ma possibile. Da fine maggio a fine giugno, la data è da definire, il centro storico fra via Cavour e piazza San Giovanni, sarà teatro di una rassegna jazzistica di alto livello. Francesco Cafiso, il giovanissimo artista e talento di caratura mondiale, sarà il direttore artistico della rassegna musicale che l’assessore al Turismo ha lanciato e che il sindaco Giuseppe Nicosia ha subito raccolto.

D’Amico non vuole ancora rivelare i particolari della manifestazione, però alla Bit di Milano l’iniziativa è stata già lanciata. E se andrà bene sarà un appuntamento annuale, fino a diventare tradizione, per rilanciare il centro storico di Vittoria. Una grande occasione per dare una boccata d’ossigeno in favore del commercio che da molti anni vive momenti di crisi ineluttabile.

Il jazz è una musica per palati raffinati verso la quale Vittoria, prima di Cafino, ha mostrato molta indifferenza. L´auspicio è quello di affinare l’orecchio dei vittoriesi e di richiamare "jazzofili" dei comuni vicini verso le vie del centro storico che vanno dalla via Cavour a piazza del Popolo a piazza San Giovanni ed Henriquez. Ci saranno degustazioni di vino Cerasuolo e di prodotti tipici locali. A firmare la manifestazione di qualità, anche il Rotary club, o meglio il Rotary jazz award, che promuoverà uno stage per giovani talenti con borse di studio in denaro da assegnare ai primi 3 classificati: jazzisti di fama internazionale ma esclusivamente italiani.

Francesco Cafiso, in qualità di direttore artistico sta già contattando colleghi musicisti di un certo calibro per farli convogliare a Vittoria durante il mese jazzistico. Primo fra tutti, Renzo Arbore, che se non sarà impegnato in qualche tournèe internazionale, potrebbe essere il primo testimonial della rassegna.

Prima di andarsene da Vittoria, Francesco Cafiso vuole lasciare un «sigillo» in pergamena alla città che gli ha dato i natali. A giugno il giovane Cafiso, amico- collega di Winton Marsalis, il genio di colore che l’ha scoperto e che vuole portarselo in America per spalancargli le porte del tempio del jazz, conseguirà il diploma di maturità al Liceo linguistico del «Mazzini», poi sarà tutta un’altra scuola, con molta probabilità in America, dove il jazz, rispetto all’Italia, dà fama, onore e benessere economico. Francesco Cafiso, oltre a essere il direttore artistico della manifestazione, chiuderà la rassegna con una sua performance.