Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 914
SCICLI - 02/05/2012
Spettacoli - La quarta edizione del festival nel lungo ponte del 1 maggio. Modena City Ramblers protagonisti

Tutti pazzi per Triskelia: in festa da tutta la Sicilia

Cinque giorni di musica, esibizioni, laboratori, combattimenti e concerti Foto Corrierediragusa.it

Triskelia non delude. Musica, gastronomia, gare, concerti nella cornice della campagna iblea lungo il ponte del 1° maggio. E’ stato il grande afflusso di un pubblico giovanile proveniente da tutta la Sicilia a sancire il successo della manifestazione tenuta a Valle Ventura.

Sono stati cinque giorni di attività, laboratori, tanta musica e perfino un palco-castello che hanno trasformato il volto di «Triskelia» divenuto a buon diritto uno dei festival più originali del Sud Italia. Il ricco programma dei concerti musicali ha visto gruppi musicali di qualità, alcuni dei quali arrivati dall´estero, come nel caso degli Slainte dalla Catalogna, dei Beltaine dalla Polonia, o dell´eccezionale gruppo di ballerine irlandesi provenienti dall´Irlanda, dalla rinomata Dominc Graham School of Irish Dance (nella foto).

La loro esibizione sincronizzata ha stupito il pubblico presente, ammaliato nei vari giorni anche dalla musica dei tanti gruppi siciliani che si sono esibiti: i Tir-na-nOg, The Cliffs, gli Shannon´s Wind e i Cerchi d´argento. Sonorità ricercate e intense grazie all´uso di strumenti dalla forte timbrica, come arpe, violini, flauti, percussioni. Punta di diamante di «Triskelia» è stata l´esibizione dei Modena City Ramblers che con le loro sonorità hanno fatto ballare fino a notte fonda il pubblico presente.

Durante le cinque giornate del festival è stato possibile partecipare a tanti laboratori e stages ed assistere all´avvincente ricostruzione dei combattimenti medioevali, con scudi, armature e spade, proposti dai Milites Trinacriae. A tema anche la gastronomia sapientemente curata dallo staff di Valle Ventura con il cinghiale arrosto, il sidro, l´idromele e il vinbrulè. Un altro dei momenti più suggestivi del festival, iniziato con il rituale galiziano della Queimada, è stata l´accensione del Grande Fuoco Druidico, avvenuta nella notte tra il 30 aprile e il primo maggio, quando convenzionalmente si celebra la festa di primavera denominata Beltane, con cui si saluta l´arrivo della bella stagione, con riti propiziatori e con atmosfere suggestive.

Quanto è stato ricreato a Valle Ventura grazie all´organizzazione dell´associazione Tir-na-nOg e alla stretta sinergia della direzione della stessa struttura guidata da Josè Ventura. Il bosco, il fiume e i tanti ambienti naturali sono stati location perfetta per «Triskelia» il festival celtico-medioevale che per questa sua quarta edizione ha puntato ancora sulla organizzazione della associazione Tir- na – nOg.