Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 544
RAGUSA - 01/09/2016
Spettacoli - Dieci mini episodi da 10’ ciascuno che presentano le figure femminili legate alla vita dello scrittore

Tanta Ragusa nelle "Donne" di Andrea Camilleri

Nunzia, primo episodio andato in onda è interpretato dalla "selvaggia" Alice Canzonieri Foto Corrierediragusa.it

C’è la Sicilia nelle «Donne» di Andrea Camilleri. Il padre del commissario Montalbano ha fatto ancora una volta centro con i suoi ritratti di 10 donne che raccontano l’Italia che cambia dagli anni ‘30 agli anni 90 attraverso figure femminili che hanno segnato la vita dello scrittore empedoclino. C’è tanta Ragusa nella mini serie non solo dal punto di vista ambientale ma anche della produzione e dell’interpretazione. Perché Gloria Giorgianni, che produce la mini serie, è legata da vincoli affettivi e familiari al territorio così come Carlotta Schininà che ragusana è di nascita.

«Nunzia», primo episodio, andato in onda su Rai 1, è poi interpretato da Alice Canzonieri (foto), ragusana doc, che esalta il ruolo di giovane donna selvatica, bellissima e vitale conosciuta da Andrea all´età di dodici anni durante le vacanze estive dai nonni. Andrea, il giovane Camilleri, è affascinato da quella strana ragazza e resta turbato quando la sorprende fra le braccia di un uomo. Oriana, invece, interpretata dalla calatina Nicole Grimaudo, è una prostituta di fede socialista, costretta alla vita in una casa chiusa per non aver voluto piegare le sue idee al fascismo. Sullo sfondo c’è Ibla con i suoi vicoli, con i suoi panorami, la campagna iblea con i muri a secco, le masserie, che il vasto pubblico televisivo aveva già apprezzato con il commissario Montalbano. La Sicilia ne esce esaltata grazie ai suoi colori e alle sue atmosfere che la regia riesce sempre a cogliere ed esaltare. La voce narrante di ogni racconto è del catanese Leo Gullotta che «legge» Camilleri e ne rende tutto il lirismo unito alla leggerezza ed al sarcasmo che nell’autore agrigentino non manca mai.